Azawakh
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Mali (patrocinio Francia)
Classificazione F.C.I.: Gruppo 10 - levrieri.

L'Azawakh è un levriero africano. È una razza di modello afro-asiatico che apparve in Europa verso l’anno 1970, provenienti dal bacino nigeriano medio in particolare dalla valle dell’Azawakh. Da centinaia di anni è l’inseparabile compagno dei nomadi subsahariani.

Aspetto generale

Cane di media-grande taglia, particolarmente slanciato ed elegante. Da’ un’impressione generale di grande fierezza. Possiede un’ossatura ed una muscolatura che traspaiono sotto tessuti fini e asciutti. È un levriero longilineo la cui figura si inserisce in un rettangolo con il lato più lungo verticale. La lunghezza del corpo : l’altezza al garrese è 0,90. Poco pesante per la sua taglia.

Carattere

Possiede un carattere vivo, attivo, attento, distante. È piuttosto riservato con gli estranei e può persino essere feroce, se non abituato. Sa essere anche molto dolce ed affettuoso con le persone che riconosce come familiari e come amici. È una razza abbastanza resistente. Si adatta molto bene ad ogni genere di luogo.

Azawakh
Azawakh - azawakh a cinque mesi (foto azawakh.concept-elevage.com)

Azawakh
Azawakh (foto ToB)

Azawakh Azawakh (foto http://longlivepuppies.com)

Standard

Altezza:
 - maschi da 64 a 74 cm al garrese
 - femmine dai 60 ai 70 cm al garrese.
Peso:
 - maschi circa 20-25 kg
 - femmine circa 15-20 kg.

Tronco: linea dorsale dritta, orizzontale o leggermente rialzata verso le anche. Garrese ben evidente. Regione lombare corta, asciutta e sovente leggermente arcuata. Le anche nettamente prominenti e sempre collocate ad un’altezza uguale o superiore all’altezza al garrese. La groppa è obliqua senza essere avvallata. La pettorina non troppo larga. Il petto è ben sviluppato in lunghezza, alto senza tuttavia raggiungere il livello del gomito. Le costole sono lunghe, evidenti, leggermente e regolarmente cinturate fino allo sterno. La linea inferiore ha l’arco sternale accentuato.
Testa e muso: lunga, fine, asciutta e ben conformata, piuttosto stretta ma senza eccesso. Il cranio è quasi piatto, piuttosto allungato. Larghezza del cranio deve essere nettamente inferiore alla metà della lunghezza della testa. Le arcate sopraccigliari e il solco frontale sono poco marcati. Il musello è lungo, rettilineo, affilato. Le guance sono piatte.
Tartufo: di colore nero o bruno. Le narici sono ben aperte.
Denti: completi nel numero e nello sviluppo. Articolazione a forbice.
Collo: ben uscito, lungo, fine e muscoloso, leggermente arcuato.
Orecchie: con attaccatura piuttosto alta. Sono fini, sempre cadenti e piatte, a base piuttosto larga, aderenti al cranio, mai a rosa. La forma è quella di un triangolo a punta leggermente arrotondata. La base si raddrizza quando il cane è in attenzione.
Occhi: a forma di mandorla, piuttosto grandi. Colore scuro o ambrato. Palpebre pigmentate.
Pelle: è sottile e non forma fanoni.
Arti: anteriori lunghi, fini, quasi interamente verticali. Appiombi perfetti. Piedi anteriori di forma arrotondata, con dita sottili e ravvicinate. Posteriori lunghi e asciutti, con appiombi perfetti. Le cosce lunghe con una muscolatura prominente e asciutta. Angolo coxo-femorale molto aperto, di circa 130 gradi.
Andatura: sempre molto soffice e particolarmente rialzata al trotto e al passo. Galoppo saltellante. Grande leggerezza ed elasticità. Punto essenziale della razza.
Spalla: lunga, dotata di muscolatura asciutta e poco obliqua vista di profilo. Angolo scapolo-omerale molto aperto.
Muscolatura: asciutta.
Coda: attaccata bassa, lunga, sottile, asciutta ed affilata. È coperta dallo stesso pelo del corpo con un piccolo pennacchio bianco all’estremità. Portata cadente con la punta leggermente rialzata, ma quando l’animale è eccitato può superare l’orizzontale.
Pelo: raso, fine, sottile fin quasi ad essere assente sul ventre.
Colori ammessi: fulvo a macchie bianche sulle estremità. Sono ammesse tutte le sfumature, da sabbia chiaro al fulvo scuro. Ammesse striature rosso tigrate.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, mancanza di premolari, mancanza di tipicità, vizi redibitori, occhio vairone, manto non conforme allo Standard, pelo duro o semilungo, assenza di macchie bianche all’estremità degli arti, misure fuori Standard, carattere pauroso o aggressivo, retrotreno difettoso, movimento scorretto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze italiane
Razze estere da A a B
Versione italiana English version Versión española
Pesci d'acquario Cani e bambini Enciclopedia dei Gatti

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy