Ravizzone - Brassica campestris L. var. Oleifera D.C.
Atlante delle coltivazioni erbacee - Piante industriali

Classe: Dicotyledonae
Ordine: Rhoedales
Famiglia: Cruciferae - Brassicaceae
Tribù: Brassiceae
Specie: Brassica campestris L. var. Oleifera D.C.

Francese: Navette; Inglese: Winter rape; Spagnolo: Nabina; Tedesco: Rübsen

Origine e diffusione

Il Ravizzone è una pianta di origine incerta, coltivata nei Paesi dell'Europa centro-settentrionale. Nella Pianura Padana viene coltivato come erbaio autunno-primaverile, dove viene utilizzato tra la fine di marzo e i primi di aprile, epoca in cui fiorisce. Nelle zone irrigue, sempre come erbaio, viene seminato verso la fine dell'estate e offre un primo taglio verso novembre e un secondo, meno produttivo, in primavera.

Ravizzone - Brassica campestris L. var. Oleifera D.C. Ravizzone - Brassica campestris L. var. Oleifera D.C. (G. Urso - P. Viggiani www.dista.agrsci.unibo.it)

Ravizzone - Brassica campestris L. var. Oleifera D.C. Fiori di Ravizzone (foto www.by.all.biz)

Caratteri botanici

Pianta annuale o biennale, con radice fittonante, gracile, a colletto non ingrossato, molto simile al Colza, dal quale si distingue per avere le foglie più ruvide, irte di peli, in particolare nella pagina inferiore, meno glauche e meno carnose. Lo stelo, le foglie caulinari e le infiorescenze sono quasi come nel Colza. Le silique sono molto erette, rostrate; i semi, più chiari rispetto a quelli del Colza, hanno un contenuto in olio del 35% circa.

Tecnica colturale

Come per il Colza, anche per il ravizzone esistono varietà autunnali e primaverili. Si può considerare una coltura sarchiata. Il terreno deve essere lavorato profondamente e ben preparato. La concimazione si basa sul letame integrato da minerali complessi. Di solito si semina in agosto-settembre, alle prime piogge. Le piante devono essere ben radicate ma non eccessivamente sviluppate prima dell'inverno, perché potrebbero essere danneggiate dal gelo.

Raccolta e utilizzazione

La raccolta viene fatta in giugno (usando mietitrebbie). La quantità di prodotto ad ettaro è di circa 20 quintali. I caratteri organolettici dell'olio di ravizzone è molto simile a quello del colza.
Come per il colza anche il panello del ravizzone viene usato per l'alimentazione del bestiame e come concime. Come detto, viene usato anche come erbaio.


Cereali
Leguminose Granella
Da tubero e orticole
Piante industriali
Foraggere
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy