Fagiolo dall'occhio - Vigna unguiculata (L.) Walp.
Atlante delle coltivazioni erbacee - Leguminose da granella

Classe: Dicotyledonae
Ordine: Fabales
Famiglia: Fabaceae
Tribù: Phaseoleae
Specie: Vigna unguiculata (L.) Walp.

Origine e diffusione

Fin dall'antichità era coltivato da Greci e Romani. E' una pianta originaria dell'Africa.
Dopo la scoperta del Nuovo Mondo, con l'arrivo in Europa del fagiolo comune, la coltivazione dei fagioli dall'occhio ha perso d'importanza; ai giorni nostri in Italia sopravvive solo in alcune zone di Puglia, Toscana e Veneto.

Fagiolo dall'occhio Fagiolo dall'occhio - Vigna unguiculata (L.) Walp.
(foto By Toby Hudson - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18417691)

Caratteri botanici

È una pianta erbacea che raggiunge un'altezza di circa 60–70 cm. L'apparato radicale è fittonante, con radici secondarie che presentano le caratteristiche nodosità delle leguminose per la presenza dei batteri azotofissatori (Rhizobium leguminosarum).
I fiori bianchi o violetti si aprono nelle prime ore del mattino e si chiudono a metà giornata.
Le foglie sono trilobate e di colore verde lucido.
I baccelli, cilindrici, sono lunghi 15–25 cm, di colore verde, a volte striature violette; i semi sono di colore bianco con una caratteristica macchia di colore scuro («occhio»), in corrispondenza del punto di inserzione sul baccello.

Fagiolo dall'occhio Fagiolo dall'occhio - Vigna unguiculata (L.) Walp. (foto Francisco Manuel Blanco (O.S.A.) - Flora de Filipinas)

Tecnica colturale

E' una coltura miglioratrice e segue ottimamente il frumento. Per motivi fitosanitari non deve seguire altre leguminose, patata, spinacio, melone cavolo e cetriolo. Il fagiolo dall’occhio non deve tornare sullo stesso appezzamento prima di 4 anni da una qualsiasi coltura di fagiolo.
Nel Nord Italia è meglio attendere la prima decade di maggio per la semina, quando non vi sono più problemi di ritorni di freddo; le semine possono poi proseguire fi no ai primi di luglio. Le distanze di semina variano dai 40 ai 60 centimetri tra le fi le; sulla fila le piante vanno invece tenute (si consiglia il diradamento post-emergenza) a una distanza di 10 cm tra l’una e l’altra. E' possibile effettuare anche la semina a postarella ponendo 3-5 semi in ognuna, rispettando una distanza di 25-30 cm tra una postarella e l’altra e di 40-60 cm tra una fila e l’altra.
Presenza una maggiore resistenza alla alla siccità rispetto al fagiolino e non ha bisogno di eccessive quantità d’acqua; l’irrigazione però non deve mancare durante la fi oritura e la formazione dei baccelli.
Nelle fasi iniziali è necessario il contenimento delle infestanti che può essere fatto con lavorazioni ripetute.

Raccolta e utilizzazione

La maturazione e quasi contemporanea (se si vuole infatti avere una raccolta di legumi freschi, mangiatutto, dilazionata nel tempo, occorre fare delle semine scalari). Il fagiolo dall’occhio deve essere raccolto ad una umidità del 18-20% onde evitare eccessive perdite di prodotto dovute all’apertura spontanea dei baccelli troppo secchi (è da sottolineare che in queste condizioni di umidità il seme perde rapidamente la propria germinabilità e quindi il seme deve essere mantenuto in luoghi asciutti e ventilati, non ammassandolo, in modo da seccarsi ulteriormente). L’essiccazione dei semi si completa poi stendendoli per alcuni
giorni in un luogo ventilato e protetto dalla luce diretta del sole.

Avversità e parassiti

Il fagiolo dall’occhio mostra buona resistenza nei confronti delle più comuni avversità che colpiscono gli altri fagioli: pertanto, in genere, non sono necessari interventi fitosanitari per portare a termine la coltura.

Cereali
Leguminose Granella
Da tubero e orticole
Piante industriali
Foraggere
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy