Cappuccino Tricolore - Lonchura malacca Linnaeus, 1766
Atlante degli Uccelli da gabbia - Esotici

Classificazione sistematica e informazioni generali

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Estrildidi
Genere: Lonchura
Specie: L. malacca

Questo uccello esotico è originario del sud dell'India. Il suo habitat ideale sono le boscaglie prive di sottobosco e le vaste praterie. In cattività è abbastanza raro, ma comunque presente in molti allevamenti e in molte mostre ornitologiche nazionali e internazionali.

Cappuccino Tricolore Cappuccino Tricolore - Lonchura malacca (foto www.birdingintaiwan.org)

Cappuccino Tricolore Cappuccino Tricolore - Lonchura malacca (foto http://hawaiibirdingtours.com)

Caratteristiche

Un po' più grande rispetto al Cappuccio testa bianca, questo estrildide ha una lunghezza di circa 12 cm. Anche nella livrea è molto differente dal suo stretto parente, quindi non è difficile riconoscerlo. Come dice il nome sono tre i colori che caratterizzano il suo piumaggio. Dorso, ali, e coda sono marroni, colore che sfuma in un marrone rossiccio all'altezza del codione. Il ventre e il petto cono di un bianco sporco. La testa presenta un cappuccio nero uniforme, dove gli occhi si mimetizzano bene, in quanto anch'essi sono neri. Sia le zampe che il becco sono grigi, il becco più chiaro e le zampe più scure. E' difficilissimo distinguere i due sessi in quanto il dimorfismo è praticamente assente. I maschi si identificano solo dal canto, che però talvolta risulta quasi impercettibile, quindi un allevatore deve avere molta esperienza e un udito allenato per identificare i soggetti di sesso maschile.

Allevamento

Se si dà loro la possibilità di scegliersi il compagno, allora le possibilità di ottenere dei risultati in riproduzione sono molto maggiori. Naturalmente per chi cerca di selezionare l'estetica per le mostre ornitologiche di bellezza, questi soggetti di devono allevare in gabbia, formando le coppie in modo artificiale, quindi non risulta semplice. Ci sono diversi “trucchi del mestiere” che un allevatore può svolgere, ad esempio un espediente è quello di coprire con vegetazione vera o finta, una parte della gabbia, per dare alla coppia in cova, l'illusione dello stato naturale e del nido nascosto. Se tenuti in voliere esterne, è consigliabile mettere all'interno di queste alcune piante di bambù. Essendo una specie molto robusta può vivere all'aperto anche nel periodo invernale, basta mettere a loro disposizione un piccolo ricovero. Il nido adatto è quello a forma di cassetta di legno o di plastica. L'imbottitura del nido sarà composta da fieno o fibre varie vegetali. La durata della cova è di circa tredici giorni. I novelli sono molto tardivi rispetto a tante altre specie esotiche, in quanto possono essere considerati svezzati a quasi due mesi di età. E' buona norma mettere a disposizione della coppia due o più nidi, in quanto durante lo svezzamento della prima covata loro inizieranno una seconda deposizione in un altro nido. L'alimentazione è a base di misto per esotici, facilmente reperibile in qualunque negozio o supermercato. Si può dar loro verdura e qualche frutto una volta alla settimana. Oltre al normale pastone integrato con uovo, il Cappuccio usa per imbeccare i pulli anche i gemi germinati e talvolta gradisce anche prede vive.
Questa specie è impiegata anche in ibridazione in quanto il suo carattere non aggressivo si presta a questo genere di accoppiamenti. Vengono ibridati con Diamanti Bavetta, Diamanti Mandarini, Diamanti Guttati e soprattutto con specie del genere Munie. Nelle mostre ornitologiche non è molto frequente vederli, ma se vi sono risultano molto apprezzati a tutti gli appassionati di questo genere di uccelli.

Scheda realizzata da Federico Vinattieri http://ornitologia.difossombrone.it

Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy