Becco di Piombo - Lonchura malabarica
Atlante degli Uccelli da gabbia - Esotici

Classificazione sistematica e informazioni generali

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Estrildidi
Genere: Lagonosticta
Specie: L. malabarica

Il Becco di Piombo è un piccolo uccello asiatico, originario di Ceylon e dell'India. Il suo Habitat sono le steppe, le vaste praterie e in prossimità di zone coltivate. Anche nei giardini vicino a zone abitate può essere avvistato. In natura vive in piccole colonie. Fu scoperto sulla costa di Malabar in India, da cui il suo nome scientifico, malabarica, ma vive anche sulla costa del Golfo dell’Oman, sull’isola di Sri Lanka, fino ai piedi dell’Himalaya, soprattutto nella zona bassa tra il Bangladesh ed il Pakistan.

Becco di Piombo Becco di Piombo - Lonchura malabarica (foto http://digilander.libero.it/fra2283)

Becco di Piombo Becco di piombo - Lonchura malabarica (foto www.wikimedia.org)

Caratteristiche

Uccello esotico molto elegante e con la classica forma estrildide. Alcuni possono confonderlo con il “Becco d'Argento”, poiché alcune caratteristiche sono simili, pur essendo originari di Continenti completamente diversi. Questo estrildide ha una taglia di circa 11 cm. Tutto il corpo è di colore grigio-brunastro, con codione e sottocoda bianchi. Il colore sul petto è più slavato, sul dorso invece è più scuso. Il becco è un grigio piombo, proprio come dice il nome. Le sue zampe sono carnicine. L'occhio è di colore nero. Il questa specie il dimorfismo sessuale è inesistente, solo il canto distingue il maschio dalla femmina. E' stato per anni importato dall'Asia, ma attualmente quasi tutti i soggetti presenti in Europa sono nati in cattività. Il canto del maschio non è di tonalità molto alta, ma piuttosto composto da gorgheggi di basso volume.

Allevamento

Come carattere è molto simile al “Becco d'Argento”, quindi si tratta di un uccellino molto socievole. E' molto importante, se tenuto all'esterno, non sottoporlo a temperature troppo rigide in quanto sotto i 10 gradi può iniziare ad evidenziare problemi. Per quanto riguarda la riproduzione si tratta di una specie un po' pigra, pertanto non è sempre facile produrre dei novelli. In natura sfrutta e usa i nidi abbandonati da gli uccelli tessitori o anche le cavità degli alberi o buchi nei muri. In gabbia il nido da mettere a disposizione della coppia è quello a cassetta, classico nido da esotici. Per l'imbottitura del nido il Becco di Piombo utilizza varie fibre vegetali, tra cui fili d'erba, fibre di cocco e fieno. Per alimentare i novelli usa pastoncino integrato con semi germinati e talvolta anche prede vive come le tarme della farina. I novelli escono dal nido a meno di un mese di età. Gli alimenti di origine animale sono graditi e anche indispensabili per allevare i pulli. La dieta ideale per i soggetti adulti è composta da misto per esotici a base di panìco, spighe e anche verdura e saltuariamente anche spicchi di frutta. Non è molto comune da vedere nelle mostre ornitologiche, ma comunque abbastanza allevato anche in Italia. Anche per questo esotico in gran parte delle mostre ornitologiche, specialistiche a parte, non è prevista una categoria apposita di giudizio, in quanto i soggetti presenti alle mostre sono veramente pochi, quindi questo estrildide viene giudicato nella medesima categoria delle altre specie di estrildidi considerati meno comuni. Sono state selezionate diverse mutazioni, tra cui l'Opale, il Bruno, il Pastello, il Ventre nero e l'Ino.
Viene utilizzato anche in ibridazione.

Scheda realizzata da Federico Vinattieri http://ornitologia.difossombrone.it

Versione italiana English version Versión española
Pesci d'acquario Cani e bambini Enciclopedia dei Gatti

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy