Crescione d'acqua - Nasturtium officinale L.
Atlante delle coltivazioni erbacee - Piante aromatiche

Famiglia: Cruciferae
Specie: Nasturtium officinale L.
Sinonimi: Rorippa nasturtium-aquaticum (L.) Sch. Et Th.; Nasturtium aquaticum Weinm.
Altri nomi comuni: Pepe d’acqua

Generalità

Pianta acquatica, originaria dell’Europa e dell’Asia; in Italia si trova in tutte le regioni sulle sponde di fossi e ruscelli, dal piano ai 1.500 metri.

Fiori di Crescione d'acqua - Nasturtium officinale L. Fiori di Crescione d'acqua - Nasturtium officinale L. (foto www.agraria.org)

Caratteri botanici

Erbacea perenne con fusti prostrati o ascendenti, che emettono radici ai nodi, lunghi fino a 60 cm. Ha foglie pennatosette con 2-3 paia di segmenti laterali ovali e uno apicale, reniforme e più grande; i fiori bianchi (6-7 mm.) sono riuniti in racemi. I frutti sono silique allungate con molti semi.

Coltivazione

Seminare in primavera in substrato sciolto (terra, torba e sabbia in parti uguali). Trapiantare le piantine alte circa 5-6 cm in piccole bacinelle con al fondo uno strato di terriccio ricoperto da uno strato sottile di ghiaia o argilla espansa. Aggiungere poi acqua, lasciando emergere solo la parte apicale e collocare in luogo semiombroso.

Raccolta e conservazione

Raccogliere foglie e rametti teneri in estate e consumare freschi. In natura, specie in piante cresciute in acque paludose, le foglie, specie se crude, possono dare problemi epatici.

Uso in cucina e proprietà terapeutiche

Usato per insalate e minestre, ha un sapore piccante e gradevole; serve anche per aromatizzare salse e formaggi teneri.
Proprietà terapeutiche: diuretiche, stimolanti, espettoranti, antiscorbutiche, purificanti.

Crescione dei prati (Cardamine pratensis L.)

Famiglia: Cruciferae
Altro nome comune: Billeri
Pianta erbacea perenne, originaria dell’Europa; in Italia è presente nelle Alpi e rara o assente nel resto del territorio. Si trova nei prati umidi e ricchi di sostanza organica, dal piano ai 1.700 metri circa.
Ha fusti eretti alti fino a 40 cm, con foglie basali riunite in rosette, imparipennate divise in 3.5 segmenti ovali o cuoriformi. I fiori hanno 4 petali bianco-rosei e sono riuniti in racemi corimbosi.
Raccolta, conservazione e proprietà terapeutiche
Le piante vengono raccolte prima della fioritura e utilizzate fresche o essiccate; hanno proprietà ricostituenti, antianemiche, depurative e per impacchi antireumatici.

Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy