Scilla - Scilla spp.
Atlante dei fiori - Bulbose, Rizomatose, Tuberose

Classificazione, provenienza e descrizione

Famiglia: Liliaceae
Genere: Scilla
Nome comune: Scilla

Tipologia: Perenni, Bulbose
Propagazione: divisione, seme

Etimologia: il nome Scilla è un'antica parola greca usata da Ippocrate e significa ferire, nuocere, con allusione alla velenosità dei bulbi di alcune specie.

Il genere comprende un centinaio di specie. Alcune sono rustiche e facili da coltivare in giardino, altre sono solo da serra. la fioritura è generalmente primaverile, ma alcune S. fioriscono d'autunno. L'area di diffusione si estende dall'Europa alla Cina, attraverso la Persia e l'Asia, con una punta in Algeria. In Italia diverse specie sono spontanee: l'italica, la bifolia, l'amoena, la campanulata, l'intermedia, la maritima, la hyacinthoides oltre alla natans o non-scripta, alla peruviana e alla autumnalis che sono molto interessanti per il giardino.

Scilla marittima Scilla maritima

Scilla marittima Bulbi di Scilla maritima (foto www.agraria.org)

Scilla peruviana Scilla peruviana L. (foto www.botanicalgarden.ubc.ca)

Scilla siberica Falso Giacinto Scilla siberica Andr. (foto https://rockydale.wordpress.com)

Come si coltiva

Predilige terreni ricchi di humus, in ombra o sole, anche se è preferibile darle un'esposizione di mezz'ombra. Si moltiplica per divisione dei bulbi, quando sono in riposo; o da seme, seminando in serra fredda o in lettorino, in primavera, ma il procedimento è assai più lungo.

Specie e varietà

- Scilla maritima L. (Sinonimo Drimia maritima (L.) Stearn, 1978, Urgina maritima Steinth.): originaria del Sudeuropa e spontanea in Sicilia. E' una specie velenosa. Lo scapo fiorale di 1-2 metri compare alla fine dell'estate quando le foglie sono disseccate. I fiori, disposti in racemo, hanno perigonio formato da 6 tepali di colore bianco-verdastro
- Scilla non-scripta Hoffm. & Link. (Sinonimo S. nutans): pianta spontanea o inselvatichita in alcune regioni del centro-nord. Cresce generalmente nei boschi, e a primavera forma bellissimi tappeti azzurri, sovente molto estesi. In giardini può essere coltivata come fiore spontaneo, da naturalizzare nei prati, vicino ad arbusti o alberi.. Ha foglie verde pallido, lunghe e sottili, fiori penduli, a forma di campana, portati in gran numero su steli rigidi, alti fino a 40 cm, con sepali azzurri; esistono anche forme a fiori bianchi o rosa, generalmente profumate.
- Scilla peruviana L.: cresce nei luoghi aridi e sassosi delle regioni mediterranee. Di facile coltura, fiorisce nella tarda primavera, con fiori in spiga color lilla, a forma di stella, e foglie lanceolate, piuttosto carnose. Esiste anche una varietà a fiori bianchi.
- Scilla siberica Andr.: specie originaria dell'Asia Minore, è coltivata fin dal Settecento. Chiamata anche Falso Giacinto, ha fiori azzurri. I bulbi possono essere forzati a fioritura precoce. Esistono alcuni ibridi con fiori più grandi, azzurro scuro, azzurro vivo e bianco puro.

Malattie, parassiti e avversità

Sono piante sensibili al marciume radicale e dei bulbi.

Bulbose
Rizomatose
Tuberose
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy