Campanellino - Leucojum spp.
Atlante dei fiori - Bulbose, Rizomatose, Tuberose

Classificazione, provenienza e descrizione

Famiglia: Amaryllidaceae
Genere: Leucojum
Nome comune: Campanelle, Campanellino

Tipologia: Perenni, Bulbose
Propagazione: divisione dei bulbi, seme

Etimologia: il nome del genere (leucojum) deriva da due parole greche: leukòs = bianco e ion = viola. Probabilmente si fa riferimento sia al colore bianco del fiore che alla profumazione. Quello specifico (vernum = primaverile; aestivum = estivo) deriva dal periodo tipico di fioritura.

E' un fiore che assomiglia al bucaneve e con questo è spesso confuso. La differenza principale consiste nella forma dei petali: il leucojum li ha tutti uguali, mentre il bucaneve ha quelli sterni più lunghi degli interni. E' inoltre una pianta più robusta, con una fioritura più lunga e con steli più alti. Il genere comprende 11 specie tutte originarie del continente europeo, di cui 5 spontanee in Italia. Sono specie erbacee generalmente bulbose con foglie spiralate quasi sempre tutte basali, senza stipole.
Queste piccole bulbose rustiche sono ottime da inselvatichire nei prati, sotto alberi e tra cespugli, in zone di mezz'ombra. Alcune specie fioriscono nel tardo inverno, altre in primavera, altre in autunno e, se le varie specie sono coltivate insieme, l'angolo dedicato ai Lwucojum può essere fiorito in più stagioni.

Leucojum vernum Leucojum vernum (foto www.touchofnature.com)

Leucojum aestivum Leucojum aestivum (foto Hans Bernhard Schnobby)

Come si coltiva

Il suolo deve essere ben drenato, leggero, e ricco di sostanza organica. Le specie a fioritura invernale o primaverile si interrano in autunno; quelle che fioriscono in autunno si interrano in luglio-agosto. Si tolgono dal terreno solo quando si vogliono dividere i bulbi, per moltiplicare le piante. Per fare questa operazione si dovrà scegliere il periodo di riposo vegetativo. Si possono moltiplicare anche per seme, seminando all'aperto in primavera.

Specie e varietà

- Leucojum vernum L.: specie originaria dell'Europa e dell'Italia, in particolare del nord. i fiori sono portati da steli alti circa 35 cm.

- Leucojum aestivum L.: specie originaria dell'Europa e dell'Italia, soprattutto nei prati umidi.Ogni stelo, alto circa 40 cm, porta due fiori. Ama le esposizioni fresche.

- Leucojum autumnale L.: originario delle regioni mediterranee, si trova soprattutto nei luoghi aridi. Le fogli sono quasi filiformi e i piccoli fiori bianchi, rosati alla base dei petali, sono portati da steli alti 12 cm circa.

Malattie, parassiti e avversità

Si possono verificare attacchi di parassiti (larve della mosca del narciso e nematodi) che possono danneggiare i bulbi. Non si segnalano malattie o parassiti specifici.

Bulbose
Rizomatose
Tuberose
Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy