Echinacea - Echinacea spp.
Atlante dei fiori - Bulbose, Rizomatose, Tuberose

Classificazione, provenienza e descrizione

Famiglia: Asteraceae (Compositae)
Genere: Echinacea

Tipologia: Perenni, rizomatose
Propagazione: divisione, seme, talea

Etimologia: il nome del genere è di origine greca e significa porcospino, con evidente riferimento alla corona di sepali appuntiti che contornano la corolla.

Questo genere, che comprende solo due specie, è strettamente affine alla Rudbeckia, della quale una volta le E. facevano parte. Nella Rudbeckia i colori predominanti sono il giallo e l'arancio; nell'E., il porpora, il marrone, il rosa, con diverse sfumature.

Echinacea angustifolia Radici e fiore di Echinacea angustifolia DC (foto http://solerbe.com)

Echinacea purpurea Echinacea purpurea Moench. (foto www.vanmeuwen.com)

Echinacea Echinacea ibrido (foto agraria.org)

Come si coltiva

Sono piante robuste e rustiche, adatte per i grandi giardini dove possono essere coltivate a gruppi, nei prati, o anche nei misti delle bordure. Necessitano di terreni ricchi di humus e non devono essere disturbate per molti anni.

Specie e varietà

- Echinacea angustifolia DC.: specie originaria del Nordamerica, dove è diffusa nelle praterie e nelle steppe. E stata importata in Europa alla fine del XVII secolo con la E. purpurea. L'intera pianta è ricoperta di setole; i fusti sono soffusi di rosso; le foglie sono lanceolate, intere o debolmente dentate. I capolini sono sempre singoli, grandi; le ligule sono rosso vino, sottili e lineari, lunghe 5-6 cm, sempre pendenti; il disco è nero purpureo. La moltiplicazione si ottiene per seme, seminando a primavera su letto freddo, o per divisione che si effettua dopo la fioritura o in primavera; o anche per talea. Predilige terreni freschi, ricchi di humus, e posizioni in mezz'ombra. Oggi è coltivata soprattutto per scopi medicinali: i principi attivi vengono estratti dall'intera pianta, raccolta fresca. Le proprietà sono antisettiche e cicatrizzanti.
- Echinacea purpurea Mooench.: specie originaria del Nordamerica, cresce nei boschi radi e nelle praterie. I fusti sono glabri, macchiati di rosso, fogliuti, poco o per nulla ramificati alla sommità. Le foglie sono munite di lunghi piccioli, scanalati nella parte superiore: sono acuminate, ovate, seghettate, ruvide su entrambe le pagine; le foglie della parte superiore del fusto sono più piccole e munite di un picciolo più breve. I capolini sono per lo più singoli, muniti di lunghi piccioli; le ligule sono rosso vino, lunghe 5-6 cm, orizzontali e in seguito pendenti, biforcute alla sommità. L'esposizione può essere da soleggiata a semiombreggiata. Di solito si preferisce la semina alla divisione, perchè alcune piante sono restie ad attecchire. Si semina in primavera in piantinaio o vasetti o cassone; in autunno si mettono a dimora le piantine. Le nuove piante fioriscono dopo almeno un anno.
Esistono bellissime varietà orticole di origine ibrida, con fiori alti fino a 1,25 cm e grandi fiori bianchi, cremisi scuro, rosso vino scuro e disco ancora più scuro.

Malattie, parassiti e avversità

Sono specie abbastanza resistenti a malattie e parassiti; qualche volta gli afidi e la muffa grigia possono compromettere l'aspetto di fiori, senza comunque danneggiare in modo significativo la pianta.

Bulbose
Rizomatose
Tuberose
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy