Giglio di mare - Pancratium spp.
Atlante dei fiori - Bulbose, Rizomatose, Tuberose

Classificazione, provenienza e descrizione

Famiglia: Amaryllidaceae
Genere: Pancratium
Nome comune: Giglio di mare

Tipologia: Perenni, Bulbose
Propagazione: divisione dei bulbi, seme

Etimologia: il nome del genere deriva dal greco pan = tutto e krathys = potere o forza, per le proprietà medicinali, ampiamente sfruttate, come descritto già da Dioscoride e commentato da Pietro Andrea Mattioli.

Si conoscono circa 18 specie di Pancratium, tutte originarie dell'Eurasia e dell'Africa, due spontanee anche sui litorali della penisola italiana e sulle isole tirreniche, dove sono conosciute con il nome comune Giglio (o Narciso) del mare. Tutte le specie di Pancratium sono velenose. La medicina tradizionale in Africa ed in Asia sfrutta le proprietà curative, le quali in Europa erano note già dall'antichità.

Pancratium maritimum Pancratium maritimum (foto www.west-crete.com)

Pancratium illyricum Pancratium illyricum (foto www.ccb-sardegna.it)

Come si coltiva

I bulbi vanno piantati in terra piena a una profondità di 15-30 cm, in zone prossime al mare, dove sono i loro habitat naturali. E' importante prevedere lo sviluppo della pianta negli anni, perché essa forma un cespo assai allargato. In zone con climi più freddi potranno essere coltivati in vasi ampi e profondi. I vasi vanno protetti in inverno se le temperature scendono al di sotto di 0°C. Necessitano di posizioni in pieno sole. Solo durante la fioritura può essere conveniente spostarli in una posizione ombreggiata durante le ore più calde del giorno. In questa maniera potrà essere prolungata la vita dei fiori. La divisione dei cespi dovrebbe essere intrapresa ogni circa 5-6 anni.

Specie e varietà

- Pancratium maritimum L.: specie originaria del Mediterraneo e dell'Europa sudoccidentale. I bulbi assomigliano a quelli dei narcisi, sono relativamente grandi, frequentemente con un collo lungo, e sono coperti di catafilli cartacei di colore marrone chiaro. Le foglie nastriformi (più lunghe e più strette di quelle del P. illyricum), di colore verde glauco, sono molto persistenti, ma non sempreverdi. I fiori molto profumati; tubo del perianzio molto sottile e corona dotata di brevi denti che si alternano agli stami.
- Pancratium illyricum L.: specie originaria delle isole del Mediterraneo occidentale. Bulbo molto grande, ricoperto di scaglie nero porpora; foglie larghe, ligulate, caduche, glauche e fortemente venate; scapo fiorale lungo fino a 40 cm con fiori profumati, perianzio bianco, a volte avorio o crema alla base e sulla corona, tubo di 2 cm, lobi da lineari a oblunghi, a strettamente ellittici; corona molto più lunga del perianzio, denti appaiati, lunghi e sottili, che si alternano agli stami.

Malattie, parassiti e avversità

Possibili attacchi di afidi e cocciniglie.

Bulbose
Rizomatose
Tuberose
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy