Metasequoia - Metasequoia glyptostroboides Hu & Cheng
Atlante degli alberi - Piante forestali

Classificazione, origine e diffusione

Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Gymnospermae
Classe: Coniferae
Famiglia: Cupressaceae

Il genere Metasequoia è stato descritto per la prima volta nel 1941 dal palebotanico giapponese S. Miki, sulla base di resti fossili. Quello stesso anno un altro botanico scoprì esemplari viventi con gli stessi caratteri dei fossili di Miki: la nuova specie venne chiamata M. glyptostroboides e da allora è stata diffusa negli orti botanici e nei vivai di tutto il mondo.

Metasequoia Tronco di Metasequoia - Metasequoia glyptostroboides Hu & Cheng (foto W.J. Hayden)

Metasequoia Metasequoia - Metasequoia glyptostroboides Hu & Cheng (foto www.cas.vanderbilt.edu)

Caratteristiche generali

Dimensione e portamento
Nella zona di origine può raggiungere i 35 m di altezza.. Presenta una chioma leggera e piramidale.
Tronco e corteccia
Tronco diritto, ramificato alla base e ricoperto di una scorza prima liscia e grigiastra, poi bruno-rossiccia o fulva che si sfoglia longitudinalmente in lunghi nastri cartacei.
Foglie e rametti
Aghi teneri, decidui e appiattiti, lunghi fino a 4 cm, opposti e distici.
Strutture riproduttive
I coni maschili gialli, sono prodotti in amenti penduli al termine dei rami; quelli femminili, appaiati all'estremità di pedungoli lunghi, sono verdognoli e globosi. Il frutto è un galbulo globoso, brunastro, pendulo, di 2 cm di diametro.

Usi

In cina il legname è utilizzato; negli altri paesi viene impiegato come pianta ornamentale in parchi e giardini.

Conifere
Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy