Ginepro fenicio o Cedro licio - Juniperus phoenicea L.
Atlante degli alberi - Piante forestali

Classificazione, origine e diffusione

Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Gymnospermae
Classe: Coniferae
Famiglia: Cupressaceae

E' una pianta originaria delle coste del Mediterraneo, dove cresce su zone rocciose o sabbiose, formando di rado formazioni pure; in genere cresce con altre specie della macchia mediterranea. Si trova dalla costa fino a 1300 mestri sui rilievi costieri. E’ un albero molto  longevo e a crescita lenta.

Ginepro fenicio Ginepro fenicio o Cedro licio - Juniperus phoenicea L. (foto Abelardo Aparicio alojamientos.us.es)

Ginepro fenicio Ginepro fenicio o Cedro licio - Juniperus phoenicea L. (foto J.M. Caraballo)

Caratteristiche generali

Dimensione e portamento
Cespuglio o alberello alto fino a 8 metri, con chioma verde scura.
Tronco e corteccia
Il tronco diritto diventa contorto in prossimità del mare; presenta una scorza liscia, brunastra, un po' sfibrata longitudinalmente.
Foglie
Persistenti squamiformi ed opposte, di forma ovale o romboidale, strettamente appressate, lunghe 1 mm; mentre le foglie delle plantule sono aghiformi e pungenti.
Strutture riproduttive
Specie dioica (pianta con fiori solo maschili o femminili) a fiori unisessuali: maschili e femminili costituiti da piccole spighe pendule, sono  portate in amenti sui giovani rami laterali e terminali.
I frutti sono galbuli  di colore rosso-bruno, globulari e penduli, diametro 0,8-1,2 cm, disposti nei pressi dell’apice dei rametti che maturano in autunno e persistono a lungo sulla pianta.

Usi

Il legno di Ginepro fenicio, di colore rosato, era un tempo impiegato in ebanisteria perchè duro e a grana fine e compatta.

Conifere
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy