Tortora rossa dal collare - Streptopelia tranquebarica Hermann, 1804
Atlante delle Tortore

Regno: Animalia
Phylum: Cordata
Subphylum: Vertebrata
Classe: Aves
Ordine: Columbiformes
Famiglia: Columbidae
Sottofamiglia: Columbinae
Genere: Streptopelia
Specie: S. tranquebarica Hermann, 1804

Origine e distribuzione

La Tortora rossa dal collare (o Tortora Tonkino) si trova nell'est e nel sud dell'Asia (India, Cina, Indocina, Nord delle Filippine). Trascorre l'estate nelle regioni settentrionali del suo areale. Frequenta campagne aperte con qualche albero, aree coltivate, boscaglia e zone alberate aride. Sono state classificate due sottospecie, pochissimo diverse l'una dall'altra: S. tranquebarica tranquebarica, abitante tutta l'India dal-ovest del Sind e Punjab, verso est sino al Nepal occidentale e Bengala; S. tranquebarica humilis, largamente distribuita dal nord del Tibet e nord Cina, all'Assam, Burma, Thailandia.

Caratteristiche morfologiche

Lunghezza totale: 21-25 cm
Peso: 90 - 120 grammi

E' tra le specie più piccole di tortore dal collare. Il capo è grigio, il collare circonda metà collo posteriormente. Le ali, e le parti superiori del corpo sono rosso mattone, le restanti parti inferiori sono marrone grigio. La coda è grigio scuro con le penne timoniere esterne bianche. L'iride è marrone scuro, la pelle circumorbitale è grigia o giallo pallido, il becco è nero e le zampe sono rosso violaceo scuro. Tra la tortore del suo genere l'unica con netto dimorfismo sessuale: la femmina ha un colore più uniforme grigio marroncino su tutto il corpo.

Biologia

Vive isolata ma prevalentemente in coppie, dopo i raccolti dei campi si possono incontrare branchetti di questa tortora pascolare liberamente. Si nutre di semi di piante erbacee, comprese quelle coltivate, germogli e giovani foglie. Possiede un volo agile e veloce. Viene cacciata assiduamente e forse per questo ha abitudini molto schive.
Il nido é preferibilmente collocato su grandi alberi cosicché risulta quasi invisibile dal basso, si trovano nidi di questa piccola tortora anche nei giardini dei centri abitati. Sebbene meno familiare delle altre tortore indiane non manifesta alcun timore dell'uomo, frequentando anche campi coltivati e persino le abitazioni umane. Depone due uova bianche o color crema chiaro generalmente covate di giorno dal maschio e di notte dalla femmina. I piccoli sono svezzati a 16 giorni e sono indipendenti dopo 3-4 settimane. Durante il corteggiamento il maschio emette un verso che rassomiglia al gracidare di una rana. In natura, in molte zone è particolarmente abbondante.

Allevamento

Viste le piccole dimensioni, non necessita di voliere grandi. Non soffre il freddo e si può tenere all'aperto tutto l'anno anche con inverni rigidi. Meglio allevare una singola coppia per voliera. Alcuni individui rimangono particolarmente selvatici e difficili da tranquillizzarsi. Nella voliera è consigliabile sistemare qualche cespuglio e un po' di vegetazione in cui nascondersi ed eventualmente costruire il nido.
L'alimentazione è costituita da una miscela di semi di piccole dimensioni, con aggiunta di mangime per pulcini, vegetali tagliuzzati e, quando disponibili, piccoli invertebrati.
La riproduzione avviene durante tutto l'anno se la temperatura non scende troppo. I piccoli possono essere tolti ai genitori all'età di 5-6 settimane.

Tortora rossa dal collare Tortora rossa dal collare (foto www.birding.in)

Tortora rossa dal collare Tortora rossa dal collare (foto www.tonjiandsylviasbirdlist.com)

Acquista online Tortore e Colombi
Ivano Pelicella - Edagricole

Questo libro riporta sia gli aspetti comportamentali e morfologici sia quelli tecnico-pratici collegati all’allevamento quali alimentazione, costruzione di nidi e voliere, riproduzione e incubazione artificiale. Acquista online >>>

Gen. Streptopelia
Gen. Macropygia Reinwardtoena Turacoena
Gen. Turtur Oena
Gen. Chalcophaps Henicophaps
Gen. Phaps Ocyphaps Geophaps
Gen. Geopelia
Gen. Zenaida
Gen. Columbina Claravis Metriopelia
Gen. Geotrygon Starnoenas
Gen. Gallicolumba
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy