Razza Mora Romagnola
Atlante delle razze suine - Razze suine italiane

Origine, diffusione e caratteristiche produttive

RAZZA CON REGISTRO ANAGRAFICO

La Mora Romagnola era molto allevata nella provincia di Forlì e Ravenna ma anche in tutta la Romagna. Si distinguevano diversi tipi a seconda delle aree di allevamento e diverse gradazioni di colore. Il nome “Mora” è stato codificato nel 1942 ed è dovuto al suo colore, marrone scuro tendente al nero.
Una volta esistevano diverse popolazioni di Mora: la diffusissima “Forlivese” (manto nerastro con tinte più chiare nella regione addominale), la “Faentina” (mantello rosso chiaro e meno pregiata della prima), e la “Riminese” (mantello rossastro con una stella bianca in fronte e qualche volta con una cinghiatura chiara). Fino a metà degli anni ’50 tutte queste popolazioni erano incrociate con ceppi locali di Large White (il “San Lazzaro” e la “Bastianella”); l’ibrido era noto come “Fumati”.
Questi suini, in possesso di discrete masse muscolari, a 18 mesi arrivavano a pesare anche 300 kg. Oggi la razza è ridotta a pochi esemplari concentrati in alcuni allevamenti, con elevati livelli di consanguineità.
Nel 1918 la popolazione di suini di razza Mora Romagnola in Italia ammontava a 335.000 capi.
Nel 1949 la consistenza era già calata a 22.000 soggetti allevati soprattutto nelle province di Forlì e Ravenna, ma anche nel resto della Romagna. Nei primi anni Novanta erano rimasti soltanto 18 esemplari concentrati in un solo allevamento con elevati livelli di consanguineità. Successivamente il WWF Italia in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino hanno deciso di attuare un piano di recupero della razza Mora Romagnola e in seguito l’A.N.A.S. ha istituito il registro anagrafico delle razze autoctone italiane per tentare di tutelarle. Oggi esistono diverse decine di allevamenti iscritti all’albo degli allevamenti di razza Mora Romagnola dell’A.N.A.S.: si trovano soprattutto nelle province di Ravenna (Faenza, Brisighella, Bagnacavallo), Forlì, Bologna, Modena, ma anche nel resto dell’Emilia Romagna (Reggio Emilia, Parma). Vi sono allevamenti anche in altre zone d’Italia (Torino, Arezzo, Benevento…).
Gli animali iscritti al registro anagrafico sono circa 450 (300 femmine e 150 maschi), quindi è probabile che gli animali realmente allevati siano di più.
La Mora Romagnola è stata da sempre molto apprezzata per la produzione di carne di ottima qualità, utilizzata prevalentemente per la produzione di salumi di pregio. Tradizionalmente il peso di macellazione variava tra i 160 e i 200 kg.
Numero medio di nati per parto: 7 suinetti. Le scrofe hanno una durata media della carriera produttiva di 5-7 parti, sono buone produttrici di latte e sono dotate di eccellenti doti materne.

Caratteristiche morfologiche - Standard della Razza Mora Romagnola

Lo Standard di Razza (secondo quanto stabilito dall’A.N.A.S. nel QUADRO C: registro dei tipi genetici autoctoni)
TIPO: robusto, rustico, taglia media con scheletro sottile ma solido.
MANTELLO E PIGMENTAZIONE: cute pigmentata (nera o grigio scura) sul dorso e nelle aree esterne degli arti; rosea nell’addome e nelle facce interne dell’ avambraccio e delle cosce. Mantello nero focato con setole lunghe e robuste a punta divisa e rossiccia. Le setole sono particolarmente robuste in corrispondenza della “linea sparta” che si trova sul dorso (questa è una caratteristica peculiare di razza). Risultano invece più sottili corte, quasi assenti in alcune zone, come quella addominale e in prossimità dei genitali. Il colore delle setole è rosso ciliegia nei suinetti e diventa nero a partire dalla fine dallo svezzamento. Gli animali adulti presentano l'apice delle setole nuovamente rosso.
TESTA: di medio sviluppo, profilo fronto-nasale concavo, muso lungo e sottile; orecchie di media grandezza dirette in avanti; occhi con caratteristica forma a mandorla con sclera pigmentata in nero.
COLLO: leggermente allungato e stretto lateralmente.
TRONCO: moderatamente lungo e stretto; linea dorso lombare convessa (vengono anche detti “gobbi”); spalle piuttosto leggere, cosce lunghe e poco convesse; coda sottile e lunga.
ARTI: tendenzialmente lunghi, pastorali lunghi e garretti talvolta dritti; unghioni aperti e scuri.
CARATTERI SESSUALI:
MASCHI: testicoli ben pronunciati, mammelle in numero non inferiore a 10
FEMMINE: mammelle in numero non inferiore a 10, capezzoli normali, ben pronunciati e pervi.
ALTEZZA: 80-90 cm (le scrofe sono più alte dei verri).
PESO: 250-300 kg alla maturità (18-20 mesi).
www.moraromagnola.it

Mora Romagnola Mora Romagnola (foto Alessio Zanon)

Mora Romagnola Mora Romagnola in compagnia del Sig. Lazzari, "salvatore" della razza

Suini di razza Mora Romagnola Suini di razza Mora Romagnola

Razze italiane
Razze estere
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy