Parco Naturale Regionale della Spina Verde - Lombardia
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Parco Naturale Regionale di cintura metropolitana; istituito con L.R. 4 marzo 1993, n. 10.
Regione: Lombardia
Provincia: Como

Il Parco Naturale della Spina Verde si insinua proprio come una spina tra la città di Como e i comini della cintura urbana. Occupa una superficie di 1.179 ettari nei comuni di Cavallasca, Como, Drezzo, Paré e San Fermo della Battaglia.

Parco Spina Verde Torre Barandello e Scavi Archeologici (Camera Grande e abitato di Pianvalle)

Descrizione

La Spina Verde si innalza tra la Pianura Padana e la conca di Como e dai 550 m di mOnte Croce si può godere di uno splendido panorama sulla città, sulla pianura e sul lago. Oltre al Monte CRoce, i rilievi significativi del parco sono il Sasso di Cavallasca (620 m), il Monte Caprino (490 m) e il Monte Baradello (430 m) su cui sorge l'omonima torre, simbolo della riserva e della città stessa di Como.
Il clima, grazie all'azione mitigatrici del Lago di Como, risulta in generale mite con abbondanti precipitazioni, mentre sui versanti rivolti verso la pianura è piuttosto caldo e secco.
La struttura rocciosa si compone di sedimenti terziari rappresentati soprattutto da conglomerati, arenarie e marne che vengono riunite nella conformazione della Gonfolite. Le forme dolci e arrotondate del paesaggio sono frutto dell'azione dei ghiacciai quaternari: durante il Pleistocene (da 1,7 a 19 mila anni fa) i ghiacciai scendevano dalla Valtellina e dalla Valchiavenna e, oltre a levigare le superfici, trasportavano a valle materiale roccioso proveniente dalle regioni alpine (morene e massi erratici).
Nel Parco si trova un interessante patrimonio archeologico con resti che vanno dall'era preistorica al Neolitico e all'età del ferro; i ritrovamenti di maggiore rilievo sono costituiti da strutture abitative come le "camere in roccia", l'abitato di Piancavalle e le incisioni rupestri. Ci sono poi forti presenze della Civiltà di Golasecca e dell'età medioevale: quest'ultima è primariamente rappresentata dalla Torre del Baradello (XII secolo) e dalle basiliche di S.Abbondio e di S.Carpoforo (XI secolo).

Spina Verde La Spina Verde verso Breccia e la pianura (foto http://geomap.como.polimi.it/)

Flora e fauna

I boschi della Spina Verde rispecchiano le diverse caratteristiche ambientali, condizionate dall'azione mitigatrice del lago. Sui versanti rivolti a nord troviamo boschi di farnia, acero, tiglio e carpino nero mentre sui versanti rivolti a sud e alla pianura, più caldi e soleggiati, dominano specie termofile come querce, orniello e carpino nero. Non mancano specie introdotte dall'uomo come castagno e robinia.
La fauna è quella tipica delle Prealpi: tra gli anfibi si possono incontrare rane, rospi e salamandre che vivono presso i piccoli corsi d'acqua, mentre tra i rettili si trovano lucertole, orbettini, biacchi e qualche vipera. Gli uccelli più diffusi sono fringuelli, merli, usignoli, scricioli, picchi e cince ma si possono avvistare anche il nibbio bruno e la civetta. Tra i mammiferi si possono incontrare scoiattoli, ghiri, faine, arvicole, lepri e volpi.

Informazioni per la visita

Gestione:
Sede: Via Imbonati, 1
211131 Cavallasca (CO)

Parchi Nazionali
Parchi Regionali
Riserve Naturali
Altre aree protette
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy