Riserva Naturale Regionale Paludi di Ostiglia - Lombardia
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Riserva Naturale Regionale istituita con deliberazione del Consiglio Regionale n°III/1737 dell’11/10/1984.
Regione: Lombardia
Provincia: Mantova

La Riserva Naturale Regionale "Paludi di Ostiglia" occupa un'area umida di 123 ettari nel Comune di Ostiglia (Mantova). E' inoltre una Zona Umida di Importanza Internazionale (Convenzione di Ramsar), una Zona di Protezione Speciale per l’avifauna (Direttiva 79/409/CEE, “Uccelli”), un Sito di Importanza Comunitaria (Direttiva 92/43/CEE, “Habitat”), un'Area di Importanza Internazionale per l’Avifauna (IBA - Important Bird Area) secondo BirdLife International e un'Oasi LIPU.

Paludi di Ostiglia Riserva Naturale Regionale Paludi di Ostiglia (foto www.filosofia-ambientale.it)

Descrizione

Le “Paludi di Ostiglia” sono un’ampia zona umida “pensile”, originata dal divagare delle acque del fiume Busatello, sopravvissuta alle bonifiche del vasto complesso delle Grandi Valli Veronesi grazie alle pratiche di coltivazione delle erbe palustri (carice e canna di palude), protrattesi al suo interno sino agli anni ‘70.
Venute meno le attività tradizionali, faticose, poco redditizie e senza prospettive di riscatto sociale, si è assistito a una progressiva diversificazione degli habitat con conseguente arricchimento delle specie presenti, sia animali (in particolar modo uccelli, con 175 specie censite) che vegetali (226 specie censite). Il riconoscimento, avvenuto già negli anni ’80, dello status di Zona Umida di Importanza Internazionale e di Zona di Protezione Speciale per l’Avifauna, ha sancito ufficialmente l’importanza internazionale di questo lembo di terra ai fini della conservazione della natura.

Flora

La vegetazione delle Paludi di Ostiglia è dominata dalla presenza di estesi canneti e cariceti. A questi si accompagnano numerose specie floristiche legate all’acqua fra le quali ricordiamo la rarissima Cicuta virosa, ombrellifera endemica della Pianura Padana, l’Erba vescica, pianta carnivora a fiore giallo, lo splendido Ibisco di palude, le cui fioriture rosa punteggiano le sponde del Busatello nei mesi estivi, l’Iris acquatico, il Nontiscordardimé delle paludi, la Calta palustre dalle intense fioriture gialle, il Morso di Rana, il Limnantemio, le Ninfee dalle splendide fioriture galleggianti. Di particolare effetto, nella tarda estate, il tappeto di Erba pesce che nei chiari d’acqua ricopre estese superfici con una coltre continua, simile a un prato galleggiante, che in autunno vira il proprio colore dal verde al rosso carminio.

Fauna

Tra le specie animali presenti in palude, quelle la cui presenza difficilmente passa inosservata sono senza dubbio gli uccelli. Nella Riserva, infatti, sono state censite ben 175 specie ornitiche, delle quali una sessantina nidificanti. Ben rappresentati sono gli Ardeidi (Airone rosso, Tarabuso, Tarabusino, Nitticora, Airone bianco maggiore, Garzetta e Sgarza ciuffetto), gli Anatidi (Marzaiola, Mestolone, Canapiglia, Alzavola, Germano reale), i rapaci (Falco di Palude, Albanella reale, Poiana, Gheppio), i Rallidi (Porciglione, Schiribilla, Voltolino, Gallinella d’acqua, Folaga), i Limicoli (Beccaccino, Pettegola, Pantana), i Passeriformi di canneto (Cannareccione, Cannaiola, Cannaiola verdognola, Salciaiola, Forapaglie, Pagliarolo), senza dimenticare la presenza regolare del Migliarino di Palude, simbolo della Riserva, del Basettino, del Pendolino, del Martin pescatore e di molti altri.
Di estrema rilevanza è poi l’erpetofauna, con l’abbondante presenza della Rana di Lataste (endemismo padano-veneto), del Tritone crestato, della Lucertola vivipara, della Testuggine palustre, oltre ovviamente a specie più comuni quali la Rana verde, la Rana dalmatina, la Raganella e il Rospo Comune.
Ben rappresentate sono inoltre le malacofaune (molluschi) terrestri e dulciacquicole; imponente è il numero di insetti legati all’acqua, principalmente nelle fasi di sviluppo larvale, tra i quali le numerose specie di libellule, di indubbia bellezza. Altre informazioni >>>

Riserva Naturale Regionale Paludi di Ostiglia Riserva Naturale Regionale Paludi di Ostiglia (www.life-paludiostiglia.it)

Informazioni per la visita

Come raggiungere la Riserva:
Giunti a Ostiglia da Verona, Ferrara, Rovigo, Modena o Bologna in corrispondenza della rotatoria tra la SS12 del Brennero e la SS 482, imboccare quest'ultima in direzione Mantova, proseguire per circa 800 m uscendo dal paese e svoltare sulla destra immettendosi nella viabilità secondaria seguendo le indicazioni.

Gestione:
Comune di Ostiglia
Sito web: www.life-paludiostiglia.it

Parchi Nazionali
Parchi Regionali
Riserve Naturali
Altre aree protette
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy