Trombettiere ali rosa - Rhodopechys sanguinea Gould, 1838
Atlante degli Uccelli da gabbia - Esotici

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Fringillidi
Genere: Rhodopechys
Specie: R. sanguinea Gould, 1838

Facente parte del grande raggruppamento dei Fringillidi africani, questo uccello è presente in tutta l'Africa settentrionale. Il suo habitat ideale sono i boschi montani; vive oltre i 2000 metri di altitudine. Anche per questa specie l'importazione e il contrabbando sono pratiche oramai quasi del tutto cessate, in quanto tutti i soggetti oggi in commercio sono nati e cresciuti in cattività.

Trombettiere ali rosa Trombettiere ali rosa - Rhodopechys sanguinea (foto www.allevamentofringillidiepappagallini.sigratis.it)

Trombettiere ali rosa Trombettiere ali rosa - Rhodopechys sanguinea (foto www.ornieuropa.com)

Caratteristiche

Uccello di piccola-media taglia, di circa 15 cm di lunghezza. Piumaggio caratterizzato da una colorazione nocciola, con sfumature e tonalità rosee. Anche le ali presentano delle penne rosa, ma anche alcune nere e bianche. Il suo ventre è bianco. Il suo becco è grigio piombo. Le zampe sono di color carnicino. L'occhio è nero. In questo esotico il dimorfismo sessuale è abbastanza evidente in quanto nel maschio i colori sono più definiti e accesi, invece la femmina presenta colori più pallidi. Uccello di grande fascino e molto elegante nell'insieme.

Allevamento

Pur essendo in cattività da diverse generazioni, questo uccello non è mai completamente tranquillo in gabbia, ma si presenta piuttosto irrequieto. Si trova più a suo agio in una gabbia ampia o in una voliera.
Nella voliera bisogna dar l'illusione dell'ambiente naturale, ossia bisogna “arredarla” con molta vegetazione e sul fondo pietre, terra e sabbia. Meglio posizionare sul fondo anche le mangiatoie, in quanto in natura il Trombettiere ali rosa trascorre molto tempo sul terreno alla ricerca di cibo fresco. La voliera o il gabbione può essere posto anche all'aperto, in quanto il Trombettiere si adatta bene anche al clima mediterraneo; bisogna però assicurarsi che abbia a disposizione un ricovero per la notte.
Non è facile aver successo nell'aspetto riproduttivo con questo uccello, anche se per indole si tratta di un uccello molto pacifico, quindi adatto alla vita anche in voliere con più coppie, o voliera mista con altre specie.
Naturalmente per far selezione, è preferibile alloggiare le coppie divise per gabbioni. Il nido che và utilizzato è quello a coppa di vimini, che solitamente viene usato con i canarini. La femmina inizia a foderare il nido con materiale vegetali, come fieno, radichette, fili d'erba, e altre fibre.
È consigliabile fornire anche della fibra di cocco. Il nido va posizionato sempre a poca distanza dal fondo, poiché in natura il Trombettiere lo costruisce quasi sempre a livello del suolo. L'accoppiamento avviene quasi sempre alle prime luci dell'alba o al crepuscolo. La femmina depone quattro o cinque uova, che cova senza l'ausilio del maschio. Non è assolutamente una specie adatta per gli allevatori “alle prime armi”.
La base dell'alimentazione è il misto da canarini. Le spighe di panico sono importanti e non vanno mai fatte mancare. Il misto da canarini và integrato con un po' di semi di girasole.
Il pastoncino integrato con uovo e con semi germinati deve essere sempre presente nella stagione riproduttiva.
I piccoli vengono alimentati anche con prede vive, come tarme della farina.
Alle mostre ornitologiche nazionali e internazionali il Trombettiere ali rosa è abbastanza raro da ammirare, in quanto non sono molti gli allevatori che riescono a produrre questo fringillide.

Scheda realizzata da Federico Vinattieri http://ornitologia.difossombrone.it

Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy