Celta
Atlante delle razze suine - Razze suine estere

Origine e diffusione

Questa razza autoctona spagnola prende il nome dal tronco originale, il ceppo celtico, che discende da Suis scrofa ferus. Attualmente gli animali della razza sono distribuiti in piccole fattorie di tipo familiare, in diverse parti della Comunità galiziana.

Caratteristiche morfologiche

Arti allungati. Esistono due diverse varietà. Da un lato, la Santiaguesa, situata da Santiago a sud della Galizia, al confine con il Portogallo, con due sottovarietà, la bianca e la barcina (dipinte con punti color ardesia). Questo ecotipo ha la pelle bianca di colore rosa, ricoperta di setole abbondanti, lunga e forte. D'altra parte troviamo la varietà Carballina, situata nella regione del Carballo (La Coruña e dintorni), con uno strato dipinto di nero lucido, che a volte copre quasi tutto il corpo. Ci sono anche macchie color rame. Gli animali adulti raggiungono una dimensione di 80 cm, il tronco fino a 105 cm di lunghezza.

La carne viene destinata sia per il consumo fresco che per la lavorazione. La resa del maiale ingrassato, con un peso vivo compreso tra 130 e 150 kg, è di quasi il 78%. Il peso medio dei suinetti alla nascita è di 1.750 g nei maschi e 1.491 g nelle femmine e la loro crescita fino allo svezzamento (60 giorni) è di 312 g nei maschi e 285 g nelle femmine. Tradizionalmente, la razza è stata sfruttata in regime estensivo e semi-estensivo. Si caratterizza per la sua grande rusticità, perfettamente adattata all'ambiente in cui viene allevata, nutrendosi di ghiande, castagne e di altre risorse spontanee prodotte dai boschi della Galizia, contribuendo alla sua regolazione naturale.

Razza Celta
Scrofa di razza Celta (foto www.mapa.gob.es)

Razza Celta
Verro di razza Celta (foto www.mapa.gob.es)


Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy