Riserva Naturale Regionale Onferno - Emilia-Romagna
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Riserva Naturale Regionale; istituita con D.C.R. 23 aprile 1991 n. 421
Regione: Emilia-Romagna
Provincia: Rimini

La Riserva Naturale Regionale Onferno si trova lungo la fascia collinare dell'Appennino romagnolo, nella valle del Conca; è esteso 129,2 ettari, nel territorio comunale di Gemmano (Rimini), a uno quota compresa tra 230 m e 505 m s.l.m.

Riserva Naturale Regionale Onferno Riserva Naturale Regionale Onferno (foto www.appenninoromagnolo.it)

Descrizione

Il complesso ipogeo dell'Onferno, nell'entroterra di Riccione fra ariose colline, è considerato fra le maggiori manifestazioni carsiche della Romagna. A originarlo è stata l'azione erosiva di un breve torrente sotterraneo, che in tempi remotissimi scavò il proprio letto entro un affioramento di gesso selenitico del Messiniano Inferiore (5/6 milioni di anni fa). A trasportare nella zona questa enorme massa di gesso, frutto del deposito di evaporazioni marine, fu un gigantesco movimento della superficie terrestre. La dimostrazione è data dalla presenza delle argille grigio-azzurre sulle quali poggia, che sarebbero di qualche milione di anni più giovani. Il torrente ha creato meandri sotterranei, con grandi stanze e mammelloni pendenti di gesso, che sporgono dalle volte e che sono visibili a occhio nudo. L'area ospita specie vegetali assai rare nella regione e costituisce uno dei siti più importanti per gli insetti troglobi (animali che vivono nelle caverne).
Il sistema sotterraneo delle Grotte parte da un'altitudine di 290 metri e scende a 70 metri di profondità.
Il complesso carsico è caratterizzato da una fauna di grande pregio. In particolare è da segnalare la presenza di cospicue colonie di Chirotteri che lo designano come uno dei più importanti siti abitati da questi mammiferi volatori. Le ricerche hanno rilevato la presenza di 6 specie (3 Rinolofidi e 3 Vespertilionidi) e si tratta della maggiore ricchezza di specie rinvenuta in ambiente ipogeo naturale. Essi si raggruppano in colonie molto spettacolari. Appaiono appesi alle pareti, naturalmente capovolti e spesso aggrappati l'uno all'altro. Rinchiusi e dormienti per l'intero periodo del letargo, da novembre ad aprile, nel mese di maggio riprendono il volo all'esterno, riposando durante il giorno e cacciando nella notte alla ricerca di insetti.

Grotte di Onferno Grotte di Onferno (foto www.grottedionferno.it)

Informazioni per la visita

L'ingresso delle Grotte si trova nell'antica Pieve di Santa Colomba, una delle più antiche della Diocesi di Rimini, distrutta durante la seconda guerra mondiale, al cui interno si trovano anche il Centro Visite e il Museo Naturalistico Multimediale.
- Centro Visite presso Pieve di S. Colomba Via Castello, 3 Onferno www.grottedionferno.it >>>

Gestione:
Comune di Gemmano
P.zza Roma, 1
47040 Gemmano (RN)

Parchi Nazionali
Parchi Regionali
Riserve Naturali
Oasi
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy