Micosi - Mal dell'esca
Viticoltura - Coltivazione della vite

La sindrome del mal dell'esca è nota da tempi molto antichi, ma tutt'oggi non se conoscono ancora l'eziologia e la patogenesi e l'epidemiologia; la malattia è complessa e irregolare, largamente dipendente dalle condizioni varietali e ambientali (Marenghi, 2007). Gli agenti patogeni che causano questa malattia sono varie specie di funghi.

Sintomatologia

I sintomi della malattia compaiono durante l'estate e sono ben visibili sulle foglie: con progressione dalla base alla parte distale dei tralci, sulle foglie compaiono macchie clorotiche, sparse irregolarmente sulla lamina tra le nervature principali ed estese dai tessuti del margine a quelli internervali (le nervature principali e i tessuti perinervali rimangono verdi) (Marenghi, 2007). I tessuti clorotici successivamente ingialliscono o arrossicono a seconda del vitigno, per poi diventare necrotici.
Sui tralci si ha formazione di gommosi nei tessuti xilematici (completa otturazione dei vasi) e successivo disseccamento; il fusto viene colpito da gommosi e carie (decadimento del legno).
Contrariamente alla credenza che il mal dell'esca si manifesti solo in viti vecchie (Marenghi, 2007), la malattia può presentarsi anche in barbatellaio e in viti giovani.

Andamento della malattia

Si possono avere due decorsi della malattia:

  • acuto: detto anche colpo apoplettico, è causato da un forte attacco tracheomicotico, che comporta l'impossibilità per la pianta di assorbire acqua;
  • cronico: è l'andamento più comune; i funghi causano il disseccamento di qualche ramo ogni anno, con un progressivo indebolimento della pianta, che può durare molti anni prima del sopraggiungimento della morte.

Controllo

Non è possibile un controllo diretto della malattia tramite lotta chimica. E' necessario l'estirpo di piante fortemente attaccate, mentre si può procedere a un risanamento di piante che manifestano qualche sintomo, eliminando la parte del tronco dove la malattia è presente e allevando dal legno sano un nuovo germoglio (Marenghi, 2007). Si deve, infine, attuare una lotta preventiva, basata su accorgimenti agronomici: ad esempio, evitare concimazioni azotate troppo spinte (tessuti più sottili e appetibili per i patogeni), potare prima le viti sane e dopo le viti infette, allontanare i residui di potatura.

Sintomi del Mal dell'esca Sintomi di mal dell'esca su foglia (fonte: www.teatronaturale.com)

Scheda a cura di Enrico Ruzzene >>>


Acquista online le barbatelle per il tuo vigneto
La Vite
Il ciclo vitale e annuale della Vite
La coltivazione della Vite
Vitigni presenti nel territorio italiano
Avversità della Vite
Micosi
Parassiti animali
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy