Riserva Naturale Regionale del Sacro Monte di Orta - Piemonte
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Riserva Naturale Regionale Speciale; istituita con L.R. 28 aprile 1980, n. 32.
Regione: Piemonte
Provincia: Novara

La Riserva Naturale Regionale del Sacro Monte di Orta è situata su un rilievo che guarda il Lago d'Orta e l'abitato, nel Comune di Orta San Giulio, in provincia di Novara. L'area protetta interessa una superficie di 13,1 ettari.

Sacro Monte di Orta Sacro Monte di Orta (foto www.sacromonteorta.it)

Sacro Monte di Orta

Il Sacro Monte d'Orta è composto da 20 cappelle affrescate, con gruppi di statue in terracotta a grandezza naturale che illustrano la vita di San Francesco d'Assisi.
Fu realizzato a partire dalla fine del XVI secolo su iniziativa dell'abate Amico Canobio. I lavori del cantiere del Sacro Monte d'Orta, in varie fasi, si protrassero sino alla fine del XVIII secolo.
Nella prima fase costruttiva le soluzioni architettoniche prescelte fecero riferimento a modelli tardo rinascimentali: attivi in questa fase, tra gli altri, lo scultore Cristoforo Prestinari, i pittori Giovanni Battista e Giovanni Mauro della Rovere e il Morazzone. Essi realizzarono gruppi scultorei intimi e raccolti, caratterizzati da sobrio realismo, ma anche eleganti ed aggiornate alla moda dell'epoca.
Dalla metà del XVII si fece strada un profondo cambiamento nel modo di intendere il percorso sacro che venne riproposto in chiave di sfolgorante spettacolo barocco: protagonisti in questa fase furono lo scultore Dionigi Bussola ed i pittori fratelli Nuvolone.
A fine Seicento il pittore lombardo Stefano Maria Legnani introdusse al Sacro Monte il nuovo gusto rococò che caratterizzò anche gli interventi settecenteschi, sia negli affreschi che nelle sculture realizzate dal Beretta. A fine '700 si chiuse definitivamente la storia del cantiere del Monte con la costruzione della neoclassica Cappella Nuova, rimasta incompiuta. alla realizzazione delle cappelle hanno contribuito, oltre ai vari artisti, anche esperti artigiani locali che hanno lasciato numerose testimonianze della loro arte laboriosa creando porte, griglie e grate in legno e ferro battuto di splendida fattura. L'arredo verde di siepi e filari, che accompagna il pellegrino, accentuano l'intima armonia fra natura e architettura.

Ambiente naturale

Il territorio della Riserva è suddiviso in due zone distinte: le pendici della collina, in cui prevalgono i boschi di latifoglie, e l'area monumentale in cui la vegetazione è da sempre curata come giardino storico. Già l'autore del progetto del Sacro Monte studiò, non solo il percorso tra le cappelle ma anche l'ambiente e la vegetazione: si è quindi creato quel singolare rapporto tra la natura, lo spettacolo del lago, il verde e le cappelle che tuttora contraddistingue il Sacro Monte.
La vegetazione si è poi modificata nel tempo, in rapporto al gusto e anche al tipo di utilizzo del complesso, favorendo le essenze più ornamentali: faggi, tigli, querce, pini silvestri sono oggi di notevoli dimensioni.

Colle della Torre di Buccione

Tipologia: Riserva Naturale Regionale Speciale; istituita con L.R. 27 maggio 1993, n.15
Regione: Piemonte
Provincia: Novara

La Riserva Naturale Speciale Regionale Colle della Torre di Buccione occupa una superficie di 30 ettari circa un colle che domina la parte meridionale del lago d'Orta, nei comuni di Gozzano e Orta San Giulio, in provincia di Novara. Sulla sommità si trova la torre di Buccione che un tempo faceva parte di un avamposto militare di più vaste dimensioni di cui restano poche tracce.
Il primo documento che parla del "Castello" di Buccione risale al 1200, mentre controverse sono le opinioni sulle sue origini, avvenute tra il X e il XII secolo. La torre, alta 23 metri, aveva funzioni di segnalazione.

Torre di Buccione Torre di Buccione (foto www.sacromonteorta.it)

Monte Mesma

Tipologia: Riserva Naturale Regionale Speciale; istituita con L.R. 27 maggio 1993, n.15
Regione: Piemonte
Provincia: Novara

La Riserva Naturale Regionale Speciale Monte Mesma occupa un'area collinare di 52 ettari circa, nel Comune di Ameno. Sulla sommità del Monte Mesma (576 m) si trovano la chiesa ed il convento seicenteschi, davanti ai quali si apre un sagrato panoramico.
I lavori di costruzione del convento e della chiesa iniziarono nell'anno 1619, utilizzando i materiali risultanti dalla demolizione di un antico castello posto sulla sommità del colle.
Il complesso degli edifici conventuali si raggruppa attorno ai due chiostri.
Importanti ritrovamenti archeologici sono stati rinvenuti nella zona: si tratta di sepolcreti risalenti alla prima età del ferro appartenuti, quasi certamente a popolazioni di razza celtica.

Monte Mesma Convento del Monte Mesma (foto www.sacromonteorta.it)

Informazioni per la visita

Gestione:
Ente di Gestione delle Riserve Naturali Speciali del Sacro Monte di Orta, del Monte Mesma e del Colle della Torre di Buccione
Via Sacro Monte
28016 Orta San Giulio (NO)
Tel. 0322 911960
Sito web: www.sacromonteorta.it

Parchi Nazionali
Parchi Regionali
Riserve
Oasi
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy