Val di Cornia DOCG
Atlante dei prodotti tipici - Vini DOCG

Zona di produzione e storia

La DOCG Val di Cornia interessa i vigneti che sorgono nelle aree più adatte alla viticoltura dei comuni di Suvereto, Campiglia, San Vincenzo, Piombino e Sassetta (tutti in Provincia di Livorno) ed il vino contraddistinto con questa denominazione è a base Sangiovese (minimo 40%) con eventuale apporto di Cabernet Sauvignon e/o Merlot fino al 60%. A partire dalla vendemmia 2011 è possibile destinare le uve raccolte alla produzione dei vini che si possono avvalere della DOCG Val di Cornia in etichetta. (Disciplinare di produzione).

Vigneto in Val di Cornia Vigneto in Val di Cornia DOCG (foto www.macchiondeilupi.it)

Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese (foto www.rabitti.eu)

Vitigni - Grado alcolometrico minimo - Invecchiamento e qualifiche

I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese: minimo il 40%
Cabernet Sauvignon e Merlot: da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 60%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini le uve a bacca nera, da sole o congiuntamente, provenienti da altri vitigni idonei alla coltivazione per la regione Toscana, fino ad un massimo del 20% ad esclusione del vitigno Aleatico.
All’atto dell’immissione l consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
“Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”:
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol. (13,00% vol. la «riserva»);
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 25 g/l.

Caratteristiche organolettiche

I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”all’atto dell’immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
“Val di Cornia Rosso” o “Rosso della Val di Cornia”:
- colore: rosso rubino di buona intensità, brillante, tendente al granato;
- odore: vinoso, delicato;
- sapore: asciutto, vellutato, armonico, di buon corpo, con eventuale sentore di legno.

Abbinamenti e temperatura di servizio

Vino da abbinare a selvaggina e cacciagione, arrosti ed altri piatti impegnativi. Va servito a una temperatura di 18°-20°C.


Prodotti tipici trentini
DOCG Piemonte
DOCG Lombardia
DOCG Veneto
DOCG Friuli Venezia Giulia
DOCG Emilia-Romagna
DOCG Toscana
DOCG Umbria
DOCG Marche
DOCG Abruzzo
DOCG Lazio
DOCG Campania
DOCG Basilicata
DOCG Puglia
DOCG Sicilia
DOCG Sardegna
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy