Barolo DOCG
Atlante dei prodotti tipici - Vini DOCG

Zona di produzione e storia

Zona di produzione: intero territorio dei comuni di Barolo, Castiglione Falletto, Serralunga d'Alba ed in parte il territorio dei comuni di Monforte d'Alba, Novello, La Morra, Verduno, Grinzane Cavour, Diano d'Alba, Cherasco e Roddi ricadenti nella provincia di Cuneo.
Figlio prediletto del Nebbiolo e delle Langhe, terra benigna e famosa da secoli per i suoi eccellenti vini, è stato definito all'unisono Re dei vini e Vino da re. Il Barolo prende il nome dal comune omonimo, anzi, per meglio dire, dall'antico feudo dei marchesi Falletto, riconosciuti gli inventori di questo pregiato vino (inizi del XIX secolo). Il Barolo si ottiene dalle uve di Nebbiolo delle sottovarietà Michet, Lampia e Rosé, come il Barbaresco DOCG. L'uva matura tardivamente verso la fine di ottobre. I grappoli (di forma allungata, piramidale, con acini piccoli, sferici e dalla buccia consistente) sono di colore blu intenso, tendenti al grigio per l'abbondante cera che riveste gli acini. Il vitigno è vigoroso e presenta rapido accrescimento (necessita di criteri particolari di potatura). (Disciplinare di produzione)

Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero
Corso Enotria, 2/c - Ampelion
12051 Alba (Cn)
Email: consorzio.vini@langhevini.it
www.langhevini.it

Grappolo d'uva Nebbiolo Grappolo d'uva Nebbiolo - Lampia (foto ww w.vivairauscedo.com)

Zona di produzione del Barolo Docg (foto www.langhevini.it)

Vitigni - Grado alcolometrico minimo - Invecchiamento e qualifiche

Il "Barolo" deve essere ottenuto esclusivamente dalle uve del vitigno "Nebbiolo" delle sottovarietà "Michet", "Lampia" e "Rosè".

Gradazione alcolica minima complessiva: gradi 13°.
Acidità totale minima: 5 per mille.
Estratto secco netto minimo: gr. 23 litro.
Il vino deve essere sottoposto ad un periodo di invecchiamento di almeno tre anni e conservato per almeno due anni di detto periodo in botti di rovere o di castagno. Il periodo di invecchiamento viene calcolato a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo alla vendemmia.
Il "Barolo" sottoposto ad un periodo di invecchiamento non inferiore a cinque anni può portare come specificazione aggiuntiva la dizione "riserva".

Caratteristiche organolettiche

Colore: rosso granato con riflessi arancione.
Odore: profumo caratteristico, etereo, gradevole, intenso.
Sapore: asciutto, pieno, robusto, austero ma vellutato, armonico.

Abbinamenti e temperatura di servizio

Il vino Barolo trova il giusto abbinamento con piatti come arrosti di carne rossa, brasati, cacciagione, selvaggina, cibi tartufati, formaggi a pasta dura e formaggi stagionati. Si degusta a 20° circa di temperatura, dopo aver stappato la bottiglia almeno due ore prima della mescita.


Prodotti tipici trentini
DOCG Piemonte
DOCG Lombardia
DOCG Veneto
DOCG Friuli Venezia Giulia
DOCG Emilia-Romagna
DOCG Toscana
DOCG Umbria
DOCG Marche
DOCG Abruzzo
DOCG Lazio
DOCG Campania
DOCG Basilicata
DOCG Puglia
DOCG Sicilia
DOCG Sardegna
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy