Cesanese del Piglio o Piglio DOCG
Atlante dei prodotti tipici - Vini DOCG

Zona di produzione e storia

Zona di produzione: provincia di Frosinone (tutto il territorio comunale di Piglio e Serrone e parte del territorio di Acuto, Anagni e Paliano). Riconoscimento nel 2008.
Il Cesanese è un vitigno laziale di antichissima tradizione, come testimoniano i reperti storici rinvenuti sul territorio, molto apprezzato già ai tempi dei Romani. (Disciplinare di produzione).

Cesanese del Piglio DOCG Cesanese di Affile (foto www.sinestesie-enoiche.it)

Piglio FR Piglio - Frosinone (foto www.italiainfoto.com)

Vitigni - Grado alcolometrico minimo - Invecchiamento e qualifiche

Composizione ampelografica: Cesanese di Affile e/o Cesanese comune 90% minimo, vitigni complementari, "idonei alla coltivazione" per la regione Lazio a bacca rossa per non più del 10%.
Due le tipologie:
- "Cesanese del Piglio" o "Piglio";
- "Cesanese del Piglio" o "Piglio" "Superiore".
Tipologia: "Cesanese del Piglio" o "Piglio":
- titolo alcolometrico volumico totale minimo 12,00% vol;.
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22 g/l.
Tipologia: "Cesanese del Piglio" o "Piglio" "Superiore":
- titolo alcolometrico volumico totale minimo 13,00% vol;
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 24 g/l.
La tipologia "Cesanese del Piglio" o "Piglio" "Superiore" sottoposto ad un periodo di invecchiamento non inferiore a 20 mesi, di cui 6 mesi di affinamento in bottiglia e con un titolo alcolometrico volumico totale minimo di 14,00% vol, può fregiarsi della menzione aggiuntiva «Riserva».

Caratteristiche organolettiche

Tipologia: "Cesanese del Piglio" o "Piglio":
- colore: rosso rubino con riflessi violacei;
- odore: caratteristico del vitigno di base;
- sapore: morbido, leggermente amarognolo, secco.
Tipologia: "Cesanese del Piglio" o "Piglio" "Superiore":
- colore: rosso rubino, tendente al granato con l'invecchiamento;
- odore: intenso, ampio, con note floreali e fruttate;
- sapore: secco, armonico, di buona struttura, con retrogusto gradevolmente amarognolo.

Abbinamenti e temperatura di servizio

Si abbina a secondi piatti, carni rosse, formaggi di media stagionatura e selvaggina; deve essere servito a una temperatura di 18°C; si consiglia di stappare due ore prima circa.


Prodotti tipici trentini
DOCG Piemonte
DOCG Lombardia
DOCG Veneto
DOCG Friuli Venezia Giulia
DOCG Emilia-Romagna
DOCG Toscana
DOCG Umbria
DOCG Marche
DOCG Abruzzo
DOCG Lazio
DOCG Campania
DOCG Basilicata
DOCG Puglia
DOCG Sicilia
DOCG Sardegna
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]