Biotopo Palù di Boniprati - Trentino
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Biotopo
Regione: Trentino-Alto Adige
Provincia: Trento

Il Biotopo Palù di Boniprati (Comuni di Prezzo e di Castel Condino; superficie dell'area pari a 10,7 ettari; quota media di 1.160 m) è una torbiera che copre parte dell'omonima conca e costituisce un sistema ambientale di notevole interesse provinciale, tanto che la Provincia Autonoma di Trento ha provveduto ad inserirlo nel Piano Provinciale dei Biotopi.

Palù di Boniprati Palù di Boniprati (foto www.comune.castelcondino.tn.it - Gianingiro.it)

Descrizione

Boniprati è una valle alpina (circa parallela alla Valle del Chiese, nel Trentino sud-occidentale) formatasi a seguito dello scivolamento verso il basso della massa del Monte Melino. Nella fase antecedente all’epoca glaciale quaternaria, dal versante della cima Pissola si staccò l’enorme massa del Monte Melino che poi si assestò lasciando a monte un’ampia nicchia di distacco individuabile nella valletta di Boniprati. Nell'epoca glaciale il territorio venne completamente ricoperto dai ghiacciai; con il loro movimento essi modellarono la valle lasciando inconfondibili tracce del loro passaggio cerchie moreniche). Dopo il ritiro dei ghiacciai si è formato un laghetto che poi, gradualmente, si è interrato trasformandosi dapprima in una palude e, in seguito, nell'attuale torbiera, oggi alimentata dalle acque di precipitazione e dallo scioglimento della neve, mentre un canale di drenaggio situato nella sua parte meridionale fa defluire le acque in un ruscello che sfocia nel fiume Chiese (sinistra idrografica della Val di Daone).
Nella torbiera di Boniprati sono presenti piccoli cumuli di sfagni Sphagnum spp.) e alcune specie tipiche delle torbiere evolute, tra cui la pianta insettivora Drosena rotundifola. Sono presenti anche zone paludose con grandi carici (associazioni vegetali Caricetum elatae e C. paniculatae) e prati umidi, ambienti di grande valore naturalistico. Tra le specie animali troviamo la rana di montagna (Rana temporaria), il rospo comune (Bufo bufo) e la biscia dal collare (Natrix natrix).

I Biotopi

La legge provinciale (Provincia Autonoma di Trento) che ha istituito i Biotopi protetti (zone di rilevante interesse naturalistico, scientifico e culturale) è la n.14 del 23/06/1986. Nel 1987 ne sono stati individuati 287: di questi, 219 sono definiti di interesse "locale" e la loro istituzione e gestione è di competenza comunale (biotopi comunali); i 68 più importanti sono invece classificati di interesse provinciale (biotopi provinciali), e sono di competenza dell'Ufficio Biotopi del Servizio Parchi e Foreste Demaniali della Provincia.

Informazioni per la visita

Come arrivare
L'Altopiano di Boniprati è raggiungibile da Cimego-Castel Condino con strada asfaltata per km. 9; da Pieve di Bono-Prezzo con strada asfaltata per Km. 6.
Prezzo-Pieve di Bono e Cimego-Castel Condino sono raggiungibili sia da sud che da nord tramite la Statale 12 del Brennero o l´Autostrada A22 (uscita Trento Centro) proseguendo poi per la strada statale SS 237 del Caffaro; oppure in direzione est-ovest tramite l´autostrada Milano-Venezia (uscita Brescia Centro) deviando poi per la strada statale SS 237 del Caffaro.

Servizio Parchi e Foreste Demaniali della Provincia Autonoma di Trento
Centro Direzionale Nord - Via Trener, 3
38100 Trento
Tel. 0461 495833

Parchi Nazionali
Parchi Provinciali
Biotopi
Riserve Naturali
Oasi WWF
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy