Yack (Yak) - Bos grunniens

Origini e caratteristiche dello Yack

Lo yack è un mammifero artiodattilo della famigia dei Bovidi.
Lo yack selvatico, Bos grunniens mutus (il maschio viene detto Drong, mentre per le femmine si utilizza il termine Dri o Nak), vive sulle montagne del Tibet, del Pamir e sulle pendici Himalayane, fino a 6000 metri di altitudine, regioni quasi del tutto prive di vegetazione arborea; d'inverno, durante le bufere di neve, si accovacciano uno di fianco all'altro con la testa rivolta all'interno ed attendono la fine della tempesta.
È caratterizzato da un corpo allungato ma muscoloso e potente, le zampe corte ed il lungo vello bruno scuro che giunge fin quasi a terra; ha il capo piccolo e le corna solo ben distanziate, lunghe e ricurve, ricordano quelle dei bovini domestici. La coda è lunga e ben ricoperta da lunghi peli. Può arrivare all'altezza di 1,90 m al garrese ed al peso di 1.000 kg.
La varietà domestica, (Bos grunniens) di minor statura e di colorazione estremamente variabile a seconda della razza, viene utilizzata come animale da soma e da sella, oltre a fornire carne, latte e lana. I suoi escrementi, seccati al sole in forma di mattonella, costituiscono un importante combustibile in alcune zone aride e quasi prive di vegetazione arborea.
Molto comune l'incrocio con tori comuni (Bos taurus), l'ibrido conosciuto come Dzo, o Dzopkio, è molto più docile e gestibile, sembra inoltre che produca ottimo latte e carne.
La specie selvatica si era estinta in Mongolia già nel XVIII secolo, e sono in pericolo anche le piccole mandrie selvatiche in Tibet, a causa della caccia e dell'espansione della pastorizia.

Yack domestico Yack domestico

Yack selvatici Coppia di Yack selvatici

Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy