I Biotopi - Alto Adige
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

I biotopi in Alto Adige

In Alto Adige vengono sottoposti a tutela sotto forma di "biotopi" una serie di ambienti vitali naturali o naturalistici, spesso anche prodotto della creazione o trasformazione ad opera dell'uomo. Una tutela efficace di specie animali e vegetali rare o minacciate avviene infatti solo grazie alla conservazione dei loro habitat naturali. Sono sempre più rare le zone umide, i torrenti naturalistici ancora integri, gli stagni, le torbiere, i prati aridi e i boschi ripariali. Essi costituiscono l'habitat vitale di singolari tipologie di flora e fauna.
I biotopi attualmente sottoposti a tutela nella Provincia di Bolzano sono 175, e occupano una superficie complessiva di 2.503 ettari, pari allo 0,35% circa del territorio provinciale.

Attività vietate nei biotopi

All'interno di ogni biotopo é sostanzialmente vietata ogni forma di ridestinazione colturale o modifica ambientale, sia rispetto al quadro paesaggistico sia agli aspetti naturalistici, con particolare riguardo per la flora e la fauna, nonché il tessuto idrologico e microclimatico.
Per ciascun biotopo sono previste ulteriori norme di tutela, che ne regolano l'eventuale utilizzo estensivo di tipo agricolo e forestale oltre a contenere vari divieti, come l'accesso durante il periodo della nidificazione, la caccia, la raccolta di piante e funghi, il campeggio, la circolazione con veicoli motorizzati.

Biotopi

Gestione dei biotopi

Visto che la maggior parte dei biotopi si trova in zone antropizzate, essi necessitano di un costante controllo e di svariati interventi di mantenimento e di cura, per evitare o contenere il più possibile eventuali disturbi da parte dell'uomo e per ripristinare le caratteristiche naturali di parti di biotopi danneggiate. Gli interventi di mantenimento e di cura e l'eventuale utilizzazione agricola estensiva tengono conto del particolare tipo di biotopo e del relativo fine di tutela. Ad esempio, le torbiere alte debbono essere lasciate assolutamente intatte. I biotopi formatisi in seguito al loro secolare utilizzo da parte dell'uomo, come i prati da strame ed i prati magri, necessitano sempre di uno sfalcio regolare, per evitare l'espandersi di arbusti e cespugli. Nei prati aridi della Val Venosta e di Castelfeder é senz'altro auspicabile praticare una moderata attività di pascolo, onde limitare la crescita di arbusti e cespugli.
In molti biotopi sono necessari periodici lavori di mantenimento e cura, come la manutenzione dei sentieri, la realizzazione e la riparazione di recinzioni, passerelle, sbarre, l'apposizione della segnaletica, l'asporto dei rifiuti, lo sfalcio di prati e relativa eliminazione di arbusti e cespugli, la rigenerazione dei laghetti e fossati e la messa a dimora di siepi. Tali interventi, vengono eseguiti dall'amministrazione provinciale, sempre che i canneti non vengano adibiti agli usi tradizionali.
Per accrescere la biodiversità vengono creati anche dei nuovi specchi d'acqua. Se necessario, gli stagni ed i fossati interrati vengono ripuliti dal fango, per riattivarne la dinamica naturale.

Parchi Nazionali
Parchi Provinciali
Biotopi
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy