Testuggine carbonaria - Geochelone carbonaria Spix, 1824
Atlante degli animali esotici - Rettili

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Rettili
Ordine: Testudines
Sottordini: Cryptodira
Famiglia: Testudinidae
Genere: Geochelone
Specie: G. carbonaria Spix, 1824
Sinonimo:
Chelonoidis carbonaria

La specie è originaria del Sud America e più precisamente di aree adiacenti al bacino del Rio delle Amazzoni: Panamá, Colombia, Venezuela, Brasile fino al nord dell'Argentina, Trinidad, Paraguay, Bolivia e alcune isole dei Caraibi (Barbados, Martinica, Guadalupa, Antigua, Isole Vergini). Occupa le aree aperte delle savane umide e le foreste tropicali. Ama gli ambienti spaziosi, caldi e umidi e rifugge la luce solare diretta.

Morfologia

Le dimensioni medie si aggirano sui 29-40 cm di lunghezza. Il carapace è liscio, robusto ed allungato, di colore in prevalenza scuro o nerastro con ampie areole gialle o giallastre o arancio o rosso-arancio degli scudi dorsali e laterali. Questa specie è priva di scuto nucale. Il piastrone è quasi o completamente giallo con una macchia a forma di rombo più o meno estesa in coincidenza del centro del piastrone stesso, con aree tendenti al nero ai margini degli scudi. La pelle della testa, della coda e delle zampe è prevalentemente nera o grigio scuro con macchie sulle scaglie gialle o arancio-rosso, più intenso sulle 4 zampe.

Testuggine carbonaria Testuggine carbonaria - Geochelone carbonaria (foto www.empireoftheturtle.com)

Testuggine carbonaria Testuggine carbonaria - Geochelone carbonaria (foto www.cardiffreptilecentre.co.uk)

Allevamento

Questa specie non effettua letargo, è necessaria quindi una sistemazione indoor durante la stagione fredda.
Il terrario va approntato in modo da potervi mantenere una temperatura diurna di 32°C nella zona calda e 23-25°C nella zona fresca, con un abbassamento notturno fino a 21 gradi per i cuccioli e 19/20 per gli adulti. L'umidità deve essere alta (80% circa) è utile tenere una ciotola larga e bassa per l'acqua. Per il fondo si può utilizzare torba di sfagno con normale terriccio, oppure fibra di cocco mischiata con terriccio.
La forma del terrario è importante che sia rettangolare con ampi rifugi e il cibo va somministrato nella zona più fresca.
Quando le temperature esterne si stabilizzano e alla notte non scendono sotto i 19 gradi possono stare all'aperto, in recinti ben riparati dal vento e molto ombreggiati.

Alimentazione

E' una tartaruga onnivora, prevalentemente erbivora, erbe campestri quando la stagione lo permette e in inverno in mancanza di queste si possono sostituire con cicoria, indivia scarola e radicchio. Non deve mancare assolutamente una buona quantità di frutta matura (pere, mele, albicocche, pesche, uva spina, fragole, lamponi, melone, fichi e banane) e invertebrati (chiocciole, lombrichi, lumache, insetti). Occasionalmente si possono fornire funghi e proteine sotto forma di crocchette per cani (un paio di volte al mese).

Riproduzione

In cattività la maturità sessuale viene raggiunta all'età di 7-9 anni e circa 25 cm di piastrone.
L'accoppiamento avviene regolarmente tutto l'anno: il maschio muove la testa a destra e sinistra, attratto dai colori accesi delle zampe della femmina, durante l'accoppiamento, assolutamente non aggressivo, emette suoni gutturali.
La femmina effettua mediamente 4-5 deposizioni all’anno ad intervalli di circa 30 giorni di 4-6 uova per volta.
Nel periodo in cui le femmine sono prossime alla deposizione è importante fornire osso di seppia e vitamine con calcio.
Le uova vanno incubate a 29-30,5°C. Altre informazioni su www.tartarugando.it

Patologie

Si consiglia di allevare solo esemplari nati in cattività e non quelle importate dal Sud America in quanto arrivano in pessime condizione di salute, completamente disidratate e spesso con patologie che spesso ne provocano il decesso.

Serpenti
Sauri
Tartarughe
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy