Ultima Tappa - Localita' Campali
Percorso Metato - Foresta di Vallombrosa

Ingegneria naturalistica

Negli ultimi anni si sono affermate in tutta Europa nuove tecniche di recupero ambientale, che sono state classificate con il nome di “ingegneria naturalistica”. Questa è una disciplina tecnica che studia le modalità di utilizzo delle piante viventi e di parti di piante, come materiali da costruzione, impiegati insieme a materiali inerti quali pietrame, terra, ecc. L’uso di queste tecniche serve a migliorare l’inserimento nel paesaggio di certe opere ingegneristiche, limitando così il loro impatto a livello paesaggistico e naturalistico; nel contempo a limitare i costi di realizzazione poiché i materiali sono reperibili sul posto.

Briglia

 

La briglia

La briglia o rampa, può essere fatta in legname, in pietrame o come in questo caso mista, legname e pietrame. La briglia ha lo scopo di ridurre la velocità dell’acqua evitando un erosione molto veloce delle sponde del torrente e del suo letto, i cui detriti depositandosi potrebbero ostruire il corso d’acqua e causare esondazioni. Se la briglia interessa dei fiumi in cui vive una popolazione di pesci che risalgono la corrente per riprodursi, allora a lato della briglia viene lasciato un canale per il passaggio dei pesci.

Ultima Tappa Percorso Metato

Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy