Cortinarius (Inoloma) violaceus (L.: Fr.) Fr.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiomiceti
Nome scientifico: Cortinarius (Inoloma) violaceus (L.: Fr.) Fr.

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 6-15 cm, violetto scuro, emisferico poi convesso-spianato, interamente vellutato-tomentoso, secco, carnoso.
Lamelle: prima violetto scuro poi bruno-cannella, sinuato-adnate, larghe, spesso riunite da vene trasversali.
Gambo: 7-20 x 1-2,5 cm, concolore al cappello, ingrossato alla base da un bulbo clavato, fibrilloso-squamoso, spugnoso poi cavo; cortina inizialmente violacea, fugace.
Carne: violetta, molle, spongiosa, con sapore dolce e odore simile a quello del legno di cedro.
Spore: ocra-fulvo.

Cortinarius violaceus Cortinarius violaceus

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Cresce specialmente nei boschi umidi di latifoglie, in estate-autunno.
Alcuni autori separano un Cortinarius violaceus, crescente sotto latifoglie e con spore allungate, da un Cortinarius hercynicus, crescente sotto conifere e con spore subglobose. Commestibile.
I Cortinari non presentano né volva né anello, ma una cortina che avvolge il giovane individuo, che poi sparisce, lasciando lievi tracce sul gambo.

Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy