Economia agraria - Economia agraria e dello sviluppo territoriale
Tecniche di produzione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti
Tracce Esame di Stato 2^ Prova - Maturità AGROTECNICI

Indirizzi: IP01 – SERVIZI PER L'AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE
IP1A – SERVIZI PER L’AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE
CURVATURA AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA

Esame 2019 - Tema di: ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE e VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E LEGISLAZIONE DI SETTORE

PRIMA PARTE

In occasione della Giornata mondiale dell’acqua, istituita dall’ONU e celebrata ogni anno il 22 marzo, l’Istat fornisce un focus annuale e tematico che, attraverso un approccio multi-fonte, presenta i risultati provenienti da diverse indagini ed elaborazioni, offrendo una lettura integrata del fenomeno con riferimento agli aspetti legati sia al territorio sia alla popolazione.

Data di pubblicazione: 22 marzo 2019

“L’acqua e l’insieme dei servizi ad essa correlati sono elementi fondamentali per la crescita economica, il benessere dei cittadini e la sostenibilità ambientale. Monitoraggi costanti e interventi puntuali sono essenziali per sviluppare strategie di gestione della risorsa adeguate, come promosso nei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU (Sustainable Development Goals – SDGs)”

Irrigato un quinto della superficie utilizzata dalle aziende agricole Il settore agricolo si contraddistingue per essere il maggiore utilizzatore di acqua. Più del 50% del volume complessivamente utilizzato in Italia è destinato all'irrigazione.
Nell’annata agraria 2015-2016 la superficie irrigabile (superficie attrezzata per l’irrigazione), distribuita su circa 572 mila aziende agricole italiane, è stata pari a 4.123 migliaia di ettari. Rispetto al 1982 l’area irrigabile è cresciuta di circa il 4,2% (nel 2016 il dato include anche l’irrigazione di soccorso, precedentemente esclusa).
La superficie irrigata misura la quantità effettiva di terreni irrigati e può variare notevolmente, di anno in anno e sul territorio, a seconda delle condizioni meteoclimatiche e delle colture praticate.
Nell’annata agraria considerata, l’irrigazione è stata effettuata dal 42,9% delle aziende agricole; sono quasi 491 mila le aziende che irrigano una superficie di 2.553 migliaia di ettari.

Esame 2019

Il candidato, scelta un’area geografica di pianura, individuata un’azienda a conduzione diretta avente superficie di circa 20 ettari, illustri un piano di miglioramento aziendale che preveda di trasformare il fondo rendendolo irriguo per almeno la metà della superficie. Scopo dell’intervento è la destinazione della superficie resa irrigua a colture ortive tipiche del territorio in un’ottica di rispetto ambientale e sostenibilità.
Mediante l’adozione di dati tecnico-economici sintetici e plausibili, esponga il procedimento valido per l’espressione di un giudizio di convenienza secondo il criterio ritenuto più opportuno.
Con riferimento alla normativa nazionale e comunitaria a tutela dei prodotti con denominazione di origine, illustri le caratteristiche delle produzioni previste e ne descriva le modalità di commercializzazione, schematizzando i percorsi di trasparenza e tracciabilità.

________________________________________
Durata massima della prova – prima parte: 4 ore.
La prova si compone di due parti. La prima è riportata nel presente documento ed è predisposta dal MIUR mentre la seconda è
predisposta dalla Commissione d’esame in coerenza con le specificità del Piano dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica
e della dotazione tecnologica e laboratoriale d’istituto.
È consentito l’uso di prontuari e manuali tecnici.
È consentito l’uso del dizionario di lingua italiana.
È consentito l’uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l’Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Indirizzo: IPVP – SERVIZI PER L'AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE
OPZIONE: VALORIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI DEL TERRITORIO

Esame 2019 - Tema di: ECONOMIA AGRARIA E DELLO SVILUPPO TERRITORIALE e VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE E LEGISLAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

“Tra i principali orientamenti produttivi vegetali il comparto cerealicolo si caratterizza per l’ampia disponibilità di superficie (la media aziendale è pari a 31 ettari) e lo scarso impiego di manodopera.
All’opposto, le aziende del settore ortofloricolo conducono superfici quasi 10 volte inferiori (3,5 ettari) e richiedono più del doppio delle ULT impiegate nelle cerealicole. Si distinguono, inoltre, per un elevato valore medio della produzione e un’alta produttività della terra che risulta 16 volte quella registrata dalle aziende cerealicole. Nonostante le grandi differenze i due comparti risultano ugualmente efficienti in termini di rapporto tra reddito netto e valore della produzione (30%).
Da un punto di vista territoriale le cerealicole mostrano i migliori risultati al Nord-Ovest, area in cui la superficie media di queste aziende risulta maggiore mentre le ortofloricole ottengono i valori produttivi più elevati nelle regioni del Centro.
Nel comparto della frutticoltura le aziende localizzate al Nord-Est ottengono le migliori performance produttive, tuttavia sono le aziende del Centro Italia a registrare la più alta remunerazione del lavoro. A questo risultato contribuisce la minore incidenza delle spese aziendali sul valore della produzione: il peso dei costi correnti è pari a 21,5% nelle regioni centrali, supera il 30% in quelle settentrionali, è del 28,4% a livello nazionale.
Le aziende specializzate in vitivinicoltura raggiungono i più elevati valori di produttività dei fattori terra e lavoro e remunerazione del lavoro familiare nelle regioni settentrionali, mentre al Centro si registra il più alto valore medio della produzione, giustificato da un’ampiezza media aziendale maggiore, ma anche i costi più elevati: il 70% sulla PLV.”

da: “L’AGRICOLTURA ITALIANA CONTA 2018”
CREA - Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia 2019 – Pagina 91

Il candidato, dopo aver commentato sinteticamente i dati esposti nel testo sopra citato, scelta un’area geografica di propria conoscenza, individui un complesso aziendale della dimensione di 25 ettari, a conduzione diretta, e ne descriva le caratteristiche tecnico produttive.
Assumendo con congruenza i dati economici necessari, elabori gli indici ritenuti più adatti per valutare l’efficienza aziendale, spiegando le procedure seguite.
Proponga quindi una soluzione innovativa volta a valorizzare la qualità del prodotto, favorendone la commercializzazione in un’ottica di controllo di qualità e miglioramento della gestione di tr asparenza, tracciabilità e rintracciabilità.
_________________________________
Durata massima della prova – prima parte: 4 ore.
La prova si compone di due parti. La prima è riportata nel presente documento ed è predisposta dal MIUR mentre la seconda è
predisposta dalla Commissione d’esame in coerenza con le specificità del Piano dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica e della
dotazione tecnologica e laboratoriale d’istituto.
È consentito l’uso di prontuari e manuali tecnici.
È consentito l’uso del dizionario della lingua italiana.
È consentito l’uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l’Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Indirizzo: SERVIZI PER L'AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE
Esame 2017 - Tema di: Economia agraria e dello sviluppo territoriale

Il candidato svolga la prima parte della prova e due tra i quesiti proposti nella seconda parte.

PRIMA PARTE
Un’azienda viticola inserita in una zona di pianura si estende su una superficie di 8 ha. Attualmente le operazioni di raccolta vengono eseguite a mano. Il proprietario prende in considerazione la possibilità di ricorrere al noleggio di una vendemmiatrice (meccanizzare la vendemmia), dato che la forma di allevamento in atto lo consente.
Il candidato, con riferimento ad una zona di sua conoscenza, dopo aver descritto l’azienda nel suo complesso e la sua organizzazione, determini il costo di produzione dell’uva nelle due ipotesi sopra prefigurate.

SECONDA PARTE
Dovranno essere sviluppati due dei seguenti quesiti, eventualmente avvalendosi delle conoscenze e competenze maturate attraverso le esperienze, qualora effettuate, di alternanza scuola-lavoro, stage e formazione in azienda.
1. Quali possono essere gli indici di valutazione dell’efficienza aziendale? Dopo aver inquadrato la tematica, in relazione all’azienda descritta nella prima parte, il candidato sviluppi uno o più esempi.
2. Il candidato illustri le modalità di determinazione del valore di una coltura arborea da frutto in un anno intermedio del suo ciclo produttivo, sviluppando un esempio concreto con riferimento ad una zona di sua conoscenza.
3. Il candidato illustri il procedimento di stima delle anticipazioni colturali, con particolare riferimento alle spese che devono essere considerate.
4. Il candidato illustri la funzione dei conti colturali, proponendo un esempio di calcolo con dati a scelta.
_____________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso di manuali tecnici, prontuari e di calcolatrici non programmabili.
È consentito l’uso del dizionario di lingua italiana.
È consentito l’uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l’Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2016 - Tema di: Economia agraria e dello sviluppo territoriale

Il candidato svolga la prima parte della prova e due tra i quesiti proposti nella seconda parte.

PRIMA PARTE

Un’azienda ad indirizzo viticolo o olivicolo di circa 15 ha, situata in zona collinare, in un contesto territoriale di conoscenza del candidato, vende direttamente il prodotto. L’imprenditore intende valutare la convenienza economica alla trasformazione dello stesso in azienda.
Il candidato descriva gli investimenti necessari in immobili, impianti e attrezzature per la trasformazione del prodotto, illustri i criteri da utilizzare per esprimere la convenienza ed elabori il bilancio di trasformazione, assumendo opportunamente i dati economici occorrenti.

SECONDA PARTE
Dovranno essere sviluppati due dei seguenti quesiti, eventualmente avvalendosi delle conoscenze e competenze maturate attraverso le esperienze, qualora effettuate, di alternanza scuola-lavoro, stage e formazione in azienda.

1. Quali sono i parametri che identificano l’imprenditore agricolo professionale (I.A.P.)?
2. Per valutare la convenienza all’investimento si utilizza il VAN. Il candidato ne spieghi il significato e le modalità di determinazione.
3. Dopo aver definito l’utile lordo di stalla (U.L.S.) e dopo aver illustrato i parametri economici necessari per la sua determinazione, il candidato, utilizzando dati a scelta, elabori analiticamente un esempio di calcolo.
4. Per il Catasto terreni il legislatore ha voluto ancorare determinati valori economici agli estimi catastali: il reddito dominicale (R.D.) e il reddito agrario (R.A.). Il candidato spieghi il significato dei due imponibili e la rilevanza degli stessi nel calcolo delle Imposte in un bilancio di un’azienda agraria.

Esame 2014 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Economia agraria
Il candidato, facendo riferimento ad un'azienda agraria ad indirizzo produttivo cerealicolo-zootecnico, provveda alla sua descrizione analitica considerando che la conduzione è a carico di un imprenditore capitalista.
Assumendo poi dati congrui, proceda alla redazione del bilancio del tornaconto determinando altresì il reddito netto spettante all'imprenditore.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentitol'uso del dizionario di italiano e di calcolatrici non programmabili.
E' consentito l'uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2013 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Tecniche di produzione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti
Il candidato, dopo aver analizzato i diversi componenti del latte, faccia riferimento ad un formaggio a pasta dura tipico di una zona di propria conoscenza.
Si analizzino di conseguenza, in modo dettagliato, tutte le fasi della caseificazione evidenziandone gli aspetti salienti e le eventuali criticità

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso di prontuari e del dizionario di italiano.
E' consentito l'uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2012 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Economia agraria
Dopo aver illustrato il significato di costo di trasformazione il candidato esamini e dimostri la convenienza per un proprietario conduttore di un'azienda estesa per 10 ha, con ordinamento specializzato in viticoltura, di vendere direttamente il prodotto per un mercato che prevede prezzi di acquisto sui 50 €/q.le oppure di trasformarlo e commercializzarlo in recipienti da 5 e 10 litri, ipotizzando, sulla base dell'analisi dei prezzi medi di vendita del prodotto trasformato, un prezzo pari a 1,80 €/litro.
L'azienda, situata in collina e compresa in una zona nella quale si produce un vino IGT, è sprovvista di attrezzatura per la trasformazione, per la cui esecuzione deve utilizzare mano d'opera avventizia.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2011 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Tecniche di produzione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti
Nel corso di quest'ultimo decennio si registra sempre più negli allevamenti da reddito un calo preoccupante della fertilità delle bovine da latte che è sicuramente ascrivibile a fattori genetici, alimentari e di gestione degli allevamenti.
Il candidato illustri e giustifichi i possibili interventi, nel corso della vita produttiva di una bovina da latte di riferimento, atti al migliorare detto parametro quale risultato del connubio fra genotipo e ambiente, per un allevamento tecnicamente valido ed economicamente competitivo.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2010 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Economia agraria
Una azienda sita in pianura, estesa per 10 ha, attua un ordinamento colturale promiscuo, con due ettari di uva da tavola e la rimanente superficie destinata a colture industriali.
Il candidato, indicando altri dati tecnico-economici per illustrare le caratteristiche aziendali, rediga un bilancio di esercizio preventivo. Identificando il costo del fattore o dei fattori produttivi più onerosi, ipotizzi modalità per ridurne l'entità, anche variando l'ordinamento colturale.
Dopo il successivo bilancio elabori un giudizio di convenienza in termini di reddito fondiario.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso di prontuari e del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2009 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Tecniche di produzione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti
L'impiego del freddo è pratica abituale nella tecnologia di conservazione dei prodotti ortofrutticoli.
Scelga il candidato uno di tali prodotti, ne descriva le caratteristiche merceologiche e illustri la tecnica di frigoconservazione finalizzata all'ottimale mantenimento nel tempo dei suoi parametri di qualità.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2008 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Economia agraria
Il proprietario di una azienda frutticola estesa per cinque ettari intende conoscere il costo medio della sua produzione annuale, allo scopo di poter definire un contratto di vendita con una ditta esportatrice di frutta.
Descrivi nei suoi aspetti tecnici ed economici l'azienda, individua una o più essenze frutticole in allevamento ed, ipotizzando durata del ciclo produttivo ed età attuale dell'impianto, determina il costo richiesto.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito soltanto l’uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame 2006 - Sessione ordinaria (Indirizzo: Agrotecnico) - Professionale Agrario

Economia agraria
Una società, proprietaria di un’azienda agricola sita in zona pianeggiante, estesa su 20 ha, dotata di fabbricati, nella quale viene solitamente praticata una rotazione: - coltura industriale, coltura industriale, frumento - intende rendere completamente irriguo il fondo costruendo un pozzo in modo da poter destinare metà della superficie a colture ortive.
Siccome il fittuario si è dichiarato disposto a realizzare l’opera e a dotare l’azienda delle attrezzature elettromeccaniche e degli irrigatori semoventi per la distribuzione dell’acqua, la società offre in cambio una riduzione del canone dagli attuali 21.000 € annui a 10.000 € per i successivi sei anni di durata del contratto.
Se invece le opere irrigue saranno realizzate dalla proprietà il canone sarà elevato a 25.000 €.
Il fittuario chiede ad un tecnico una elaborazione motivata di un giudizio di convenienza avendo appreso dal tecnico che le opere irrigue avranno un costo di € 48.000.
Il candidato, operando con dati tecnico-economici plausibili anche se sintetici, esponga il procedimento valido per rispondere al quesito, esplicitando le motivazioni relative alle possibili scelte.

_______________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito soltanto l’uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

 

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy