Produzioni vegetali - Temi Esame di Stato
Tracce Agronomia e coltivazioni 2^ Prova - Maturità

Indirizzo: ITPT – AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA
ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI

2^ Simulazione Aprile 2018 - Tema di: PRODUZIONI VEGETALI e TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI (Articolazione: Produzioni e trasformazioni)

Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due quesiti a scelta tra quelli proposti.
PRIMA PARTE

Principali portinnesti

Tabella tratta da: TECNICA DELLE PRODUZIONI VEGETALI (G. POMATO, M. CROSA, G. OLIVERO) ediz. LIVIANA

Successivamente illustri le operazioni preliminari all’impianto fino alla messa a dimora.

In relazione alla razza da latte prescelta si descriva, nel dettaglio, la composizione chimico-microbiologica e gli aspetti nutrizionali del latte specificandone i relativi processi di risanamento.

SECONDA PARTE

Nella risposta ai quesiti il candidato può far riferimento alle eventuali esperienze formative extrascolastiche in ambiente operativo.

  1. Descrivere le principali alterazioni dei vini con riferimento alle cause e ai possibili rimedi.
  2. Individuare, tramite indici appropriati, l’epoca di raccolta più opportuna in funzione all’utilizzo di un prodotto individuato dal candidato.
  3. In riferimento ad una trasformazione agroalimentare prescelta, procedere alle possibili classificazioni dei prodotti ottenuti.
  4. La tecnica dell’inerbimento dell’arboreto: essenze utilizzate, gestione, aspetti positivi e negativi.

____________________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso di manuali tecnici e prontuari.
È consentito l’uso del dizionario di lingua italiana.
È consentito l’uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.

1^ Simulazione Febbraio 2018 - Tema di: PRODUZIONI VEGETALI e TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI (Articolazione: Produzioni e trasformazioni)

Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due quesiti a scelta tra quelli proposti.
PRIMA PARTE
In ambito nazionale le coltivazioni arboree utilizzano forme di allevamento diverse anche in funzione delle caratteristiche pedoclimatiche e delle possibilità di meccanizzazione.

Le tabelle sotto riportate evidenziano le principali forme di allevamento di vite di fruttiferi.

Principali forme di allevamento

Tratto da: S. Zocchi - R. Spigarolo - S. Ronzoni – F. Caligiore
Produzioni vegetali  C - Coltivazioni arboree  (Poseidonia)

Forme di allevamento fruttiferi

Tratto da: Valli -Corradi
Coltivazioni arboree C (Edagricole)

Il candidato, in riferimento ad una zona di propria conoscenza, individui dapprima la coltura più rappresentativa descrivendone i caratteri morfologici e produttivi.
Successivamente sviluppi, in modo particolare, la forma di allevamento che garantisca il raggiungimento di elevati standard quanti-qualitativi del prodotto unitamente ad un possibile incremento della meccanizzazione. In riferimento poi alla coltivazione prescelta illustri una possibile trasformazione descrivendone nel dettaglio i processi tecnologici con riferimento agli eventuali aspetti microbiologici e enzimatici coinvolti.

SECONDA PARTE

  1. I reflui della trasformazione sopra descritta: sistemi di trattamento e valorizzazione.
  2. La valutazione della qualità dei prodotti ai fini della trasformazione.
  3. In riferimento alla coltura individuata trattare un'avversità di natura parassitaria dovuta a crittogame, evidenziandone il ciclo di sviluppo, la sintomatologia e i relativi interventi di difesa.
  4. Le produzioni biologiche: obiettivi perseguiti e linee guida relative alle pratiche colturali anche alla luce di eventuali esperienze extrascolastiche.

____________________________
Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso di manuali tecnici e prontuari.
È consentito l’uso del dizionario di lingua italiana.
È consentito l’uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.

Esame 2015 - Sessione ordinaria (Articolazione: Produzioni e trasformazioni)

Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte.

Parte prima
Nell'ambito di un'azienda agraria ove si vogliano applicare corrette tecniche di produzione, al fine di organizzare attività produttive eco-compatibili e di valorizzare gli aspetti qualitativi, l'impianto di un arboreto rappresenta un momento di fondamentale importanza con rilevanti ripercussioni sulla sua futura gestione.
Il candidato, facendo riferimento ad una coltura di propria scelta, dopo aver descritto le caratteristiche pedoclimatiche della zona presa a riferimento, tratti dele problematiche inerenti l'impianto, dalla scelta varietale all'individuazione dei sesti e dei materiali più idonei ad una gestione meccanizzata degli interventi colturali.

Parte seconda
1. La potatura di allevamento e di produzione: principi fisiologici e obiettivi.
2. Il contenimento delle erbe infestanti alla luce di una produzione ecocompatibile anche in riferimento a eventuali esperienze operative del candidato.
3. Con riferimento alla specie prescelta, motivare la scelta del portinnesto individuato in relazione alle caratteristiche pedoclimatiche della zona.
4. Modalità e criteri per impostare una difesa fitosanitaria corretta nell'arboreto preso a riferimento.

_____________________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
È consentito l’uso del dizionario italiano e di calcolatrici non programmabili.
Non è consentito l'uso di manuali tecnici e/o prontuari e altri dispostivi elettronici
E' consentito l'uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Ministero dell’Istruzione dell’’Università e della Ricerca

ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Indirizzo: ITPT – AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA
ARTICOLAZIONE PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI

Tema di: PRODUZIONI VEGETALI

ESEMPIO PROVA

Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte.

PRIMA PARTE

Il candidato, dopo aver descritto le caratteristiche pedoclimatiche di una zona di propria conoscenza, identificata una coltura arborea o arbustiva di rilevante importanza economica, ne descriva la forma di allevamento più idonea e la tecnica colturale, con particolare riferimento alla gestione della chioma anche in vista di una produzione ecocompatibile.

SECONDA PARTE

  1. Con riferimento alla specie prescelta, indicare le principali malattie fungine e il relativo controllo.

  1. Illustrare i principi generali della concimazione con sostanza organica.

  1. Importanza della scelta dei portinnesti, facendo opportuni esempi, in funzione della qualità del prodotto, anche in relazione ad eventuali esperienze operative.

  1. Illustrare i criteri di valutazione della qualità dei prodotti.

_______________________________

Durata massima della prova: 6 ore

E’ consentito soltanto l’uso del dizionario italiano e di calcolatrici non programmabili.

Non è consentito l’uso di manuali tecnici e/o prontuari e altri dispositivi elettronici.

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA
DECRETO 29 gennaio 2015, n. 10

Articolo. 9

Istituti tecnici - Settore tecnologico

1. La seconda prova scritta degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado riferimento a situazioni operative in ambito tecnologico-aziendale e richiede al candidato attivita' di analisi tecnologico-tecniche, scelta, decisione su processi produttivi, ideazione, progettazione e dimensionamento di prodotti, individuazione di soluzioni e problematiche organizzative e gestionali.
2. La prova consiste in una delle seguenti tipologie:
a) analisi di problemi tecnologico-tecnici partendo da prove di laboratorio su materiali semilavorati, prodotti finiti;
b) analisi di caratteristiche di macchine e apparecchiature partendo da prove di verifica e collaudo;
c) ideazione e progettazione di componenti e prodotti delle diverse filiere;
d) analisi di processi tecnologici di produzione, gestione e controllo di qualita' dei processi produttivi;
e) sviluppo di strumenti per l'implementazione di soluzioni a problemi organizzativi e gestionali dei processi produttivi;
f) gestione di attivita' produttive e del territorio nel rispetto e tutela dell'ambiente.
3. La struttura della prova prevede una prima parte che tutti i candidati sono tenuti a svolgere, seguita da una seconda parte costituita da quesiti tra i quali il candidato scegliera' sulla base del numero minimo indicato in calce al testo.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2013 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
AGRONOMIA E COLTIVAZIONI (testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali)

L'obiettivo prioritario dell'odierna agricoltura mira a privilegiare la qualità e l'ecocompatibilità delle produzioni.
Il candidato, facendo riferimento ad una zona di propria conoscenza e ad una coltura arborea di ilevante diffusione, illustri e giustifiche gli interventi colturali necessari per una corretta gestione della stessa.
Inoltre, analizzi quali stategie adottare per raggiungere l'obiettivo citato in premessa.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito soltanto l'uso del dizionario di italiano.
E' consentito l'uso del dizionario bilingue (italiano-lingua del paese di provenienza) per i candidati di madrelingua non italiana.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2011 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
AGRONOMIA E COLTIVAZIONI (testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali)

Un’arboricoltura da frutto moderna e finalizzata ad una produzione di qualità, ecocompatibile e a costi competitivi, presuppone una conoscenza approfondita della tecnica colturale fondata su solide basi di fisiologia vegetale.
Il candidato discuta criticamente gli effetti degli interventi colturali sulla fisiologia della riproduzione e quindi sul prodotto finale da commercializzare per uso fresco, di una specie arborea, a sua scelta, in coltura specializzata e in fase di produzione crescente.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito soltanto l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2010 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
AGRONOMIA E COLTIVAZIONI (testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi sperimentali)

Per la produzione di uve a bacca rossa, da destinare all'industria enologica per vini di qualità e a lunga conservazione, è richiesto un adeguato ecosistema viticolo. Descritti gli elementi che compongono l'ecosistema viticolo (vitigno/portainnesto, clima, terreno) di una zona nota, il candidato illustri e giustifichi gli interventi tecnico-colturali necessari per orientare la fisiologia della pianta verso la glucogenesi in misura più rilevante rispetto alla proteogenesi in vista della produzione di uve per grandi vini rossi da bottiglia.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito soltanto l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2008 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
Corso di ordinamento - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

L'impianto di un frutteto è il risultato di una serie di scelte decise avendo chiari gli obiettivi produttivi, tra i quali la qualità assume oggi un ruolo fondamentale.
Descrivi analiticamente i caratteri di una zona conosciuta od ipotizzata e, per una specie ed una o più cultivar prescelte, indica i motivi di tale scelta, il portainnesti da impiegare, le distanze dei sesti, la forma di allevamento da adottare per ottenere i risultati preventivati.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2006 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
Corso di ordinamento - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

La fertilizzazione degli impianti frutticoli rappresenta una necessaria pratica che, oltre ad incidere sulla quantità e qualità dei prodotti, influisce sui costi di produzione e, a volte, su aspetti significativi delle condizioni ambientali.
Il candidato illustri le caratteristiche aziendali e ambientali di una frutteto di specie e cultivar di sua scelta, indichi i tipi e qualità di fertilizzanti minerali nonché epoche di distribuzione ed esamini le possibili influenze dei principi chimici utilizzati sull'ambiente.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2004 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
Corso di ordinamento - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

In viticoltura e in frutticoltura i portinnesti vengono adoperati per risolvere questioni diverse.
Dopo aver illustrato tale aspetto il candidato, facendo riferimento alla vite, ad una drupacea e ad una pomacea, esemplifichi casi concreti specificando i motivi della scelta ed i risultati che essa si propone di ottenere.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2002 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
Corso di ordinamento - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

Il candidato, scelta a suo piacere una coltura arborea, illustri le cultivar oggi più diffuse analizzando, per una data zona da descrivere accuratamente, i criteri di scelta di qualcuna di essa.
Esponga poi il tipo di impianto da realizzare per la coltivazione della cultivar prescelta.

_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentita la consultazione di libri di testo.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame di Stato Istituto Tecnico Agrario 2000 - Sessione ordinaria - Indirizzo generale
Corso di ordinamento - AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

(testo valevole per i corsi di ordinamento e per quelli del Progetto "CERERE" - Agrario generale)

Le concimazioni rappresentano una pratica utile ma anche costosa ed a volte capace di produrre effetti negativi sull'ambiente.
Il candidato, individuata una coltura realizzata in una zona di cui descriverà analiticamente le caratteristiche pedoclimatiche, illustri i criteri di scelta dei fertilizzanti da impiegare e delle relative quantità, esamini gli effetti sulla cultivar nonché il rapporto concime - suolo - falda ed analizzi le modalità da seguire per evitare effetti indesiderati.
_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
E' consentito l'uso del dizionario di italiano.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame Maturità Tecnica Agraria 1998 - Indirizzo generale
AGRONOMIA E COLTIVAZIONI

Dopo aver illustrato analiticamente le caratteristiche di una zona frutticola a lui nota, il candidato identifichi una specie arbustiva od arborea e le cultivar allevate e specifichi analiticamente le modalità per l'esecuzione degli interventi colturali annui, atti a salvaguardare, entro limiti adeguatamente definiti, i principali aspetti ecologico-ambientali.

_____________________________________________________

Durata massima della prova: 7 ore.
È consentito l'uso di manuali.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Esame Maturità Professionale 1998 - Indirizzo Agrotecnico
AGRONOMIA - MECCANICA - ZOOTECNIA - GENIO RURALE

Taluni interventi agronomici possono essere responsabili di turbamenti nelle situazioni ambientali in cui si organizza l'attività agricola.
Con riferimento ad una coltura arborea da frutto scelta dal candidato si illustrino i possibili pericoli derivanti da specifici interventi non mirati e si analizzino i fattori da tener presente per evitare i cennati rischi.

_____________________________________________________

Durata massima della prova: 6 ore.
Non è consentito l'uso di manuali.
Non è consentito lasciare l'Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy