Sarcosphaera crassa (Santi) Pouzar
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Ascomiceti
Nome scientifico: Sarcosphaera crassa (Santi) Pouzar
Sinonimi: Sarcosphaera coronaria (Jacquin ex Cooke) Boud., Sarcosphaera eximia ( Durieu & Lév.) Maire, Peziza coronaria Jacq., Misc. Austriaca Bot.

Caratteristiche morfologiche

Corpo fruttifero: dimensioni medio grandi (fino a 10-15 cm), all'inizio, quando è totalmente immerso nel terreno, è globoso, poi si lacera poi alla sommità uscendo dal terreno, assumendo forma di coppa, con l'orlo rotto in modo irregolare in lembi triangolari; superficie esterna di colore bianco sporco al tocco virante al giallo, superficie interna di colore da lilacino a biancastro.
Carne: sottile, di consistenza cerosa, biancastra, con odore spermatico e sapore non significativo.
Spore: ellissoidali, bianche in massa.

Sarcosphaera crassa Sarcosphaera crassa (Santi) Pouzar (foto Simonetta Peruzzi)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo saprofita.
Si trova in primavera nei boschi di latifoglie o di aghifoglie (specie pinete).
Commestibilità: VELENOSO. In passato veniva considerato un buon commestibile, purchè consumato ben cotto.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy