Russula aurata With.: Fr.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Russula aurata With.: Fr.
Sinonimo: Russula aurea Pers.
Nome comune: Russula aurata - Colombina dorata

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 4-10 cm, sodo, prima arrotondato poi convesso, di colore rosso più o meno vivo, spesso con macchie gialle, cuticola separabile solo al margine, brillante, margine arrotondato e solcato negli esemplari adulti.
Lamelle: fitte, larghe, libere verso il gambo, prima chiare poi crema infine ocracee.
Gambo: 3-8 x 1,5-2,5 cm, carnoso, prima pieno poi farcito, bianco o giallo-limone, con macchi brune.
Carne: bianca e soda, gialla sotto la cuticola, odore impercettibile, sapore dolce.
Spore: giallognole in massa.

Russula aurata Russula aurata (foto Arturo Baglivo www.actafungorum.org)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Si trova nei boschi dalla tarda primavera alla fine dell'estate.
Ottima commestibilità: è una tra le Russule più conosciute.
Le Russule, di cui alle volte è molto difficile riconoscere la specie, sono l'unico genere di cui può essere determinata la commestibilità con una prova empirica: è sufficiente masticarne un pezzetto e scartare le specie a sapore nettamente acre. Non è detto per questo che tutte le Russule acri siano tossiche. Certo che, per tale diagnosi, è necessario riconoscere con certezza che si tratta del genere Russula, altrimenti una Amanita phalloides, mortale, che non ha sapore acre, potrebbe essere scambiata con una Russula verde, commestibile.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy