Rozites caperatus (Pers.: Fr.) Karst.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Rozites caperatus (Pers.: Fr.) Karst.
Sinonimo: Pholiota caperata
Nome comune: Foliota grinzosa

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 5-14 cm, carnoso, sodo, giallastro più o meno marcato, prima campanulato poi convesso e infine piano, cuticola cosparsa di pruina argentea, caduca lungo l'orlo, leggere solcature irregolari lo rendono un po' grinzoso.
Lamelle: fitte, giallastre, adnate.
Gambo: 6-15 x 1-2,5 cm, crema-biancastro, robusto, fibroso, pieno, cilindrico, inguainato nella parte inferiore da un velo fugace, biancastro. Anello membranoso, striato.
Carne: biancastra poi giallo-brunastra, molle, con sapore dolce e odore tenue.
Spore: bruno-rossastre.

Rozites caperatus Rozites caperatus (foto Vello Liiv www.loodusmuuseum.ee)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Cresce in gruppi nei boschi, dalla fine della primavera al tardo autunno.
Gli esemplari giovani si prestano alla conservazione sott'olio e sotto aceto.
Buon commestibile (colora di giallo l'acqua di cottura.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy