Macrolepiota rachodes (Vitt.) Sing.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Macrolepiota rachodes (Vitt.) Sing.
Sinonimo: Chlorophyllum rhacodes

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 5-17 cm, prima globoso, poi convesso e infine piano o depresso, con margine grosso, coperto da una cuticola brunastra, screpolata in larghe squame che lasciano intravedere un fondo fibrilloso biancastro. Il disco centrale (brunastro) rimane intero mentre le squame si distaccano sollevando ciuffi biancastri.
Lamelle: fitte e libere al gambo, prima bianche (si macchiano di rosso allo strofinio), infine brunastre specie sul filo.
Gambo: 8-25 x 1,5-2 cm, ingrossato alla base, prima biancastro poi brunastro, con anello mobile membranoso bianco o imbrunente
Carne: tenera e bianca, arrossante (poi brunastra) all'aria specie nel gambo. Odore e sapore gradevoli.
Spore: bianche.

Lepiota rachodes Lepiota rachodes (foto Jurgen Duffner www.natur-um-triberg.de)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo saprofita.
Il nome deriva dal greco "rhakos" (straccio, sfilacciato) per l'aspetto del cappello.
Si trova nei campi, nei pascoli e nelle radure dei boschi, nei luoghi ricchi di humus, in estate-autunno.
Commestibilità: sospetto. Alcuni la danno commestibile come la M. procera. Si segnalano alcuni casi di intossicazione gastrointestinale, con vomito irrefrenabile, dolori addominali violenti e diarrea, specialmente se poco cotta.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy