Cortinarius (Myxacium) trivialis Lange
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiomiceti
Nome scientifico: Cortinarius (Myxacium) trivialis Lange
Sinonimi: Cortinarius collinitus - Cortinarius mucosus

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 3-8 cm, giallo-ocraceo-olivastro o fulvo-bruno, da campanulato-convesso a spianato, spesso con un umbone ottoso, liscio, glutinoso con tempo umido, margine involuto.
Lamelle: poco fitte, sottili, larghe, adnate o decorrenti con dentino, biancastre o qualche volta tinte all'inizio di violaceo, poi bruno-mattone o cannella.
Gambo: 4-10 x 1-1,5 cm, sodo, bianco all'apice, ocra-brunaceo in basso, alto, rastremato alla base, è coperto con tempo umido da un velo glutinoso che seccandosi lascia numerose cinture scagliose; cortina glutinosa, biancastra.
Carne: da biancastro-ocracea a ocraceo-brunastra, odore nullo e sapore dolce.
Spore: bruno-mattone.

Cortinarius trivialis Cortinarius trivialis (foto Arturo Baglivo www.actafungorum.org)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Molto comune, si trova nei boschi di latifoglie, in gruppi, in estate-autunno.
Non commestibile. I Cortinari non presentano né volva né anello, ma una cortina che avvolge il giovane individuo, che poi sparisce, lasciando lievi tracce sul gambo.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy