Cortinarius speciosissimus Kühner & Romagn.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiomiceti
Nome scientifico: Cortinarius speciosissimus Kühner & Romagn.

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 2-8 cm, bruno-rossastro o fulvo-rossastro, talvolta sugli esemplari giovani giallastro al margine per resti di velo; inizialmente conico poi spianato con umbone appuntito, finemente feltrato, secco.
Lamelle: prima concolori poi bruno-rugginoso, distanti, larghe, annesse.
Gambo: 5-11 x 0,6-1 cm, fulvo-rossastro, un po' più chiaro del cappello, cilindrico o ispessito alla base, spesso decorato da residui di velo sotto forma di bande giallastre, farcito poi vuoto; cortina inizialmente giallastra, poco evidente.
Carne: ocraceo-rossastra, sapore dolce e odore fungino.
Spore: ocraceo-rugginose.

Cortinarius speciosissimus Cortinarius speciosissimus (foto Marco Floriani - Alberé Tenna TN www.mtsn.tn.it)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Nei boschi di conifere, specialmente sotto abete rosso, fra il muschio o fra il mirtillo, fine estate-autunno.
VELENOSO MORTALE, come il Cortinarius orellanus. I suoi effetti si manifestano anche dopo 3-14 giorni. Molto simile al C. orellanus, dal quale si distingue per il gambo quasi concolore al cappello e per il caratteristico umbone. I Cortinari non presentano né volva né anello, ma una cortina che avvolge il giovane individuo, che poi sparisce, lasciando lievi tracce sul gambo.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy