Cortinarius orellanus Fr.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiomiceti
Nome scientifico: Cortinarius orellanus Fr.
Sinonimo: Cortinarius rutilans Quélet
I Cortinari non presentano né volva né anello, ma una cortina che avvolge il giovane individuo, che poi sparisce, lasciando lievi tracce sul gambo.

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 3-9 cm, prima emisferico poi aperto con lieve umbone, carnoso solo al centro; ricoperto da squame quasi granuliformi; di colore dal rosso arancio al bruno-fulvo; margine sottile, ondulato, spesso con spaccature, asciutto.
Lamelle: spaziate, grosse, leggermente decorrenti sul gambo; da giallastro a rosso-ruggine.
Gambo: 4-8 cm x 0,5-1,3 cm, sodo e pieno, giallo poi giallo-ruggine. Cortina gialla, chiara, evanescente.
Carne: da gialla a rossastra, ruggine sotto la cuticola del cappello. Odore leggermente di radice. Sapore dolciastro (attenzione a non inghiottire).
Spore: gialle, rugginose in massa.

Cortinarius orellanus Cortinarius orellanus (foto www.grn.es)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Si trova specialmente nei boschi di latifoglie. Non molto diffuso in Italia.
VELENOSO MORTALE: agisce di solito a parecchi giorni di distanza dalla ingestione, provocando gravissime forme di nefrosi tossica, con esito quasi sempre mortale.
Caratteristiche simili di tossicità sono attribuite al Cortinarius speciosissimus e ad altri Cortinari di taglia piccola e media, di colore dal rosso vivo, al rosso mattone, al giallastro oro.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy