Boletus purpureus Fr.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Boletus purpureus Fr.
Sinonimi: Boletus rhodopurpureus

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 6-20 cm, carnoso e sodo, prima emisferico poi convesso, brunastro con macchie rossastre, al tocco diventa blu, cuticola vellutata; margine prima involuto poi aperto.
Tubuli: liberi o arrotondati al gambo, lunghi, prima giallastri poi quasi olivastri, blu al tatto.
Pori: piccoli, di colore rosso sangue, blu al tatto.
Gambo: 9-19 x 2-5 cm, grosso, spesso bulboso, con reticolo rosso su tutta la superficie.
Carne: giallastra che al taglio vira prima al blu e poi al rosso scuro, soda e compatta; odore fruttato, sapore dolce.
Spore: bruno-olivastre.

Boletus purpureus Boletus purpureus (foto Celestino Gelpi www.retamatour.com)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Si trova nei boschi aperti di latifoglie, in terreni calcarei, in estate-autunno.
Non commestibile

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy