Boletus luridus Schff.: Fr.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Boletus luridus Schff.: Fr.
Sinonimo: Boletus rubeolarius
Nome volgare: Boleto lurido

Cappello: 5-24 cm, prima emisferico poi convesso, con cuticola asciutta, vellutata nei giovani esemplari poi liscia, colore variabile dal bruno-olivastro, al camoscio al bruno ruggine, più scuro al tocco.
Tubuli: liberi o arrotondati, prima gialli poi verdastri, viranti all'azzurro al tocco.
Pori: piccoli, rotondeggianti, giallastri poi arancioni o rossi, viranti.
Gambo: 4-20 x 1,5-5 cm, sodo e carnoso, pieno, ingrossato alla base.
Carne: soda, di colore giallo pallido virante all'aria al verde-azzurro; sapore dolciastro, odore fruttato.
Spore: bruno-olivastre.

Boletus luridus Boletus luridus (foto Juan A° Leiva http://leivamosetasdecadiz.es)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Nei boschi di latifoglie in terreni calcarei o neutro, dalla primavera all'autunno.
Commestibile da cotto (crudo contiene tossine).

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy