Amanita virosa (Fr.) Bertillon
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Amanita virosa (Fr.) Bertillon

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 3-8 cm, poco carnoso, prima globoso poi campanulato, bianco o un po' rosato nella parte centrale; margine liscio.
Lamelle: molto fitte, con numerose lamellule, bianche e con residui di velo.
Gambo: 8-15 x 0,6-1,5 cm di diametro, cilindrico, con superficie un po' lanoso, prima farcito poi cavo. Anello membranoso, fragile, spesso lacerato. Volva membranoso che avvolge la base del gambo.
Carne: bianca, poco consistente, di odore fetido e sgradevole (da cui il nome).
Spore: bianche, ialine.

Amanita virosa Amanita virosa (foto www.biology.duke.edu)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte. Cresce di preferenza nei boschi di aghifoglie, nei terreni acidi, dalla primavera all' autunno. Poco diffusa ma molto abbondante nelle zone di crescita.
VELENOSO MORTALE: come l'Amanita phalloides è un fungo estremamente pericoloso e la sua ingestione provoca avvelenamenti con esito quasi sempre mortale. Molto simile alla "phalloides", dalla quale si differenzia per il colore bianco, e all'Amanita verna, dalla quale si distingue per la forma campanulata del cappello anche da adulto, per il gambo lanuginoso e l'anello fioccoso.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy