Amanita vaginata (Bull.: Fr.) Quél.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Amanita vaginata (Bull.: Fr.) Quél.
Nomi volgari: Falso farinaccio - Bubbola minore

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 4-10 cm, prima campanulato poi aperto, grigio beige, grigio-bruno al centro, in genere nudo, a volte presenta dei grandi lembi bianchi.
Lamelle: bianche e libere.
Gambo: 6-12 x 0,6-1 cm, fragile, assottigliato verso l'alto, cavo, fioccoso, bianco o leggermente argenteo, un po' ingrossato alla base, con volva persistente; priva di anello.
Carne: bianca, di sapore dolce.
Spore: bianche.

Amanita vaginata (foto Mariangela Napoli e Mario Dollo www.dipbot.unict.it/funghi_etna)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte. Si trova spesso nei boschi di latifoglie e nei prati, in estate-autunno.
Commestibile: la presenza di striature al margine del cappello e l'assenza dell'anello la distinguono facilmente dalle Amanite mortali. Per il suo colore potrebbe assomigliare all'Amanita phalloides, che però presenta un grosso bulbo. Di questa specie vi sono parecchie varietà o forme, che si distinguono soprattutto per il colore del cappello (var. alba, var. flavescens, var. plumbea).

Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy