Ciclo vitale del Progetto
Guida ai tirocini e stage aziendali - Integrazione Scuola-Lavoro

Fasi per la realizzazione di un tirocinio/stage generale


Fasi per la realizzazione di un tirocinio/stage

La pianificazione

Si configura come fase strategica che richiede una serie di azioni tra loro correlate per garantire il successo dell'iniziativa. Comprende tutte le attività preliminari ad una vera e propria progettazione tecnica dell’intervento. Costituisce il momento preparatorio ed al tempo stesso fondamentale, dove si realizza l’ideazione del progetto e si verifica la sua concreta fattibilità.
L’ideazione che può sorgere spontanea nella scuola, su sollecitazione esterna o all’interno di gruppi misti di lavoro, necessita di attività propedeutiche ad una vera e propria progettazione tecnica.
L’analisi dei bisogni di formazione, la ricerca di offerte di finanziamento, accanto alla individuazione di risorse umane disponibili ad essere coinvolte, sono attività non consequenziali ma interdipendenti il cui esclusivo esito positivo può consentire di procedere alle fasi successive.

Attività

Operazioni

a) Ideazione ed iniziativa del progetto

  • Reperimento e sollecitazione offerta esterna

  • Recepimento e sollecitazione domanda interna

b) Elaborazione della mappa dei bisogni

  • Analisi della domanda

  • Individuazione fabbisogni dell'utenza

  • Individuazione aree di spendibilità

  • Individuazione soggetti esterni

  • Definizione degli obiettivi formativi

c) Individuazione delle risorse umane

  • Definizione competenze dei docenti interni

  • Definizione competenze degli esperti

  • Definizione competenze del personale ATA

  • Costruzione organigramma di progetto

d) Definizione delle risorse finanziarie

  • Analisi risorse/costi

  • Reperimento delle risorse

 

La progettazione

La progettazione, ormai tipica competenza della funzione docente, costituisce un momento fondamentale ed imprescindibile anche per le iniziative di tirocinio/stage.
Le attività e le operazioni da sviluppare in questa fase riflettono la tipica serie di azioni che caratterizzano la progettazione, cioè ordinare e comporre elementi o processi, in funzione di obiettivi determinati.
In questo caso si ribadisce che obiettivo fondamentale è arricchire la valenza del percorso formativo attraverso il raccordo tra il curricolo e l'esperienza lavorativa.
La progettazione non si estingue con la descrizione delle modalità operative ma richiede anche azioni tese ad ottenere il consenso, la condivisione e la formalizzazione dell'attività tecnica, all'interno e all'esterno della scuola. In particolare occorre praticare sistematicamente la coprogettazione tra scuola e mondo del lavoro nel rispetto reciproco di ruoli, funzioni e bisogni, sempre nell'interesse primario dello studente.
Per il successo dell'iniziativa è fondamentale che non resti circoscritta a coloro che la gestiranno direttamente ma che sia pienamente condivisa dalla comunità scolastica e dalla comunità civile in cui l'istituto ha sede e venga organicamente inserita nel piano dell'offerta formativa.
Per ottenere tali risultati il Dirigente scolastico informa le varie componenti e i relativi organi collegiali sul progetto acquisendo le specifiche delibere. In tal modo la scuola, potrà rendere trasparente il suo operato anche ai fini di un eventuale controllo esterno.

Attività

Operazioni

a) Definizione del progetto

  • Individuazione degli obiettivi

  • Strutturazione dell’intervento formativo

  • Individuazione delle modalità di Orientamento

  • Progettazione dei moduli didattici

  • Progettazione dell’attività in azienda

  • Definizione dei tempi (planning)

  • Progettazione delle modalità di monitoraggio e valutazione

  • Strutturazione del budget

  • Progettazione delle modalità di diffusione

b) Legittimazione attività all'interno della scuola

  • Approvazione dell'iniziativa

  • Promozione del progetto

c) Definizione dei rapporti con i soggetti esterni

  • Formalizzazione degli accordi con aziende/enti

  • Presentazione del progetto agli enti esterni

 

Le gestione

Concluse le fasi precedenti con l'approvazione del progetto, si passa alla sua concreta realizzazione. Sono oggetto di attenzione generale:

  • la gestione dei rapporti con le aziende/enti esterni
  • la gestione amministrativa e programmatica
  • il rispetto dei tempi
  • il rispetto e la responsabilità degli impegni assunti

Nel corso dell'attuazione del progetto potrebbero verificarsi circostanze, interne o esterne, non previste nella progettazione iniziale. In questo caso si può procedere ad una riformulazione del progetto a condizione che non se ne snaturino gli obiettivi e la qualità dei risultati attesi, intendendosi per qualità l’adeguatezza rispetto allo scopo.

Attività

Operazioni

a) Preparazione dell'esperienza

  • Presentazione dell'iniziativa

  • Individuazione dell'utenza

  • Stipula del patto formativo con l'utente

  • Stipula dei contratti assicurativi

  • Predisposizione della documentazione e della modulistica di accompagnamento

  • Definizione degli aspetti logistico-organizzativi

b) Realizzazione dell'esperienza

  • Erogazione dei moduli formativi

  • Abbinamento utente/posto stage/tutor

  • Stipula del progetto formativo

  • Accompagnamento/affiancamento nel tirocinio/stage

  • Incontri in itinere di confronto sull'esperienza

  • Monitoraggio del progetto

  • Eventuale riformulazione del progetto

  • Incontri conclusivi di riflessione sull'esperienza

  • Stesura delle relazioni a cura degli utenti

  • Gestione amministrativo-contabile delle attività

 

Valutazione e certificazione del percorso formativo

Fa parte di questa fase la ricerca e la predisposizione degli strumenti idonei a determinare un valido giudizio sui risultati conseguiti relativamente al percorso formativo ed agli aspetti pedagogico-didattici dell’esperienza.
Si è preferito, infatti, per meglio articolarne le complesse ed indispensabili attività, ricondurre gli aspetti organizzativi e funzionali del progetto alla fase 5.
La valutazione, intesa come capacità di formulare giudizi, è sempre bidirezionale, riguarda, cioè, tanto il livello di apprendimento dello studente quanto l’efficacia dell’insegnamento, indipendentemente dalle modalità prescelte per la sua erogazione (in aula o in azienda). Nella valutazione è importante definire i principi ed i criteri che saranno utilizzati.
Lo stage introduce particolarità rispetto alle tradizionali azioni formative in termini di ambiente di apprendimento, di tutoring e di elementi da valutare.
Anche l’approccio alla valutazione è diverso. Nel caso di attività per lo sviluppo di aspetti orientativi e formativi generali, in cui il modello di comunicazione è uno a molti, per la valutazione si utilizzerà la somministrazione di questionari o la produzione di elaborati da parte degli allievi. Nel caso di attività per lo sviluppo di aspetti professionalizzanti, il canale di comunicazione è di tipo molti a molti e la valutazione si baserà sull’osservazione dell’interazione tra i partecipanti, sul loro modo di collaborare ed imparare insieme. In questo tipo di attività si possono sfruttare l’analisi delle produzioni che vengono richieste agli allievi (report, brevi elaborati sui contenuti del tirocinio, progetti, ecc.) e le rilevazioni condotte attraverso la somministrazione di questionari ai partecipanti.
Inoltre, costituiscono aspetti chiave della valutazione, le caratteristiche individuali dei corsisti (competenze iniziali, aspettative, apprendimenti, ecc), l’efficacia del supporto offerto dai tutor e dagli esperti, la risposta dei corsisti al particolare approccio metodologico di conduzione del tirocinio, i materiali utilizzati in relazione ai contenuti (libri, articoli, software), l’ambiente di apprendimento nelle sue componenti locali (impresa, scuola, ecc.) e sociali, la modalità di comunicazione, il rapporto costo-benefici.

Attività

Operazioni

a) Valutazione dell'attività formativa

  • Progettazione strumenti di valutazione

  • Autovalutazione degli studenti

  • Valutazione da parte del tutor aziendale

  • Valutazione da parte del tutor scolastico

  • Stesura della relazione per i Consigli di classe

b) Riconoscimento dell'esperienza

Gli strumenti utilizzati spaziano dal documento di qualifica professionale all’attestazione scolastica ed aziendale. Tutti potrebbero essere inclusi in un libretto formativo dello studente che lo accompagni nel suo percorso di studi e lavoro.

  • Rilascio di attestato da parte dell'azienda

  • Rilascio di attestato e/o certificato di qualifica da parte di enti esterni

  • Riconoscimento del credito formativo e scolastico

  • Rilascio di certificato da parte della scuola

 

Valutazione e rendicontazione del progetto

La valutazione è un processo parallelo al progetto che assume diverse caratteristiche a seconda dell’oggetto sottoposto a valutazione, dei tempi e delle modalità adottate. Per questo si suole parlare di valutazione ex ante (relativamente alla formulazione del progetto ), in itinere (durante la realizzazione), ex post o finale per la verifica dei risultati o, meglio del valore aggiunto che il progetto ha determinato.
Questo aspetto della valutazione si riferisce essenzialmente alla realizzazione del progetto ed alla sua qualità organizzativa con riguardo al:

  • soddisfacimento dei bisogni e delle aspettative dei partecipanti
  • raggiungimento degli obiettivi prefissati
  • adeguatezza dei metodi e dei materiali
  • adeguatezza della durata e dell’articolazione dello stage
  • adeguatezza logistica ed organizzativa
  • Per quanto riguarda i risultati attesi in termini di cambiamento che il progetto produce, possono essere utilizzati indicatori, da inserire nel momento della progettazione, quali:
  • riduzione del tasso di dispersione;
  • sperimentazione di modalità innovative per l’individuazione degli interventi
  • acquisizione di nuove competenze trasversali e specifiche
  • impatto sulle componenti interne all’istituzione scolastica (organizzazione, docenza, strutture ecc.)
  • impatto sulle componenti esterne (famiglie, territorio, aziende, enti locali)

Attività

Operazioni

a) Valutazione del progetto

  • Progettazione degli strumenti di valutazione

  • Esame della progettazione (valutazione ex ante)

  • Esame dell’andamento del progetto (valutazione in itinere)

  • Esame del progetto nel suo insieme aggiunto (valutazione ex post)

b) Rendicontazione amministrativo contabile

  • Liquidazione delle spese sostenute

  • Rendicontazione amministrativo contabile

c) Rilevazione degli esiti occupazionali

  • Rilevazione (a distanza di tempo) dello stato occupazionale

  • Analisi  dei dati di verifica della pertinenza con il percorso di studi


Diffusione dei risultati

Diffondere i risultati del progetto permette la creazione di un clima favorevole alla ripetizione dell’esperienza su diversi versanti:

  • i potenziali utenti
  • il personale scolastico che la deve gestire
  • le aziende/enti potenziali sedi di tirocinio/stage.

Inoltre consente l'attivazione di processi di trasferimento dell’esperienza e della metodologia adottata ad altri contesti nonché lo stimolo ad un allargamento dell’esperienza ad altri ambiti (della stessa scuola o di altre scuole).

Attività

Operazioni

a) Creazione di un archivio di documentazione

  • Raccolta e catalogazione  dei progetti realizzati

  • Raccolta degli strumenti operativi utilizzati

  • Raccolta dei dati relativi alle aziende/enti partecipanti

  • Raccolta e sistematizzazione dei materiali prodotti

b) Socializzazione dell'esperienza all'interno della scuola

  • Comunicazione dei risultati del progetto agli organi collegiali

  • Organizzazione di incontri tra partecipanti ai tirocini/stage e i potenziali nuovi utenti

c) Socializzazione dell'esperienza sul territorio

  • Comunicazione dei risultati del progetto a tutti i soggetti coinvolti

  • Inserimento dell'esperienza sul sito WEB della scuola

  • Comunicazioni ai mass media

  • Eventuale promozione di convegni sul tema


Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy