Monteferrato - Toscana
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: A.N.P.I.L.; istituita nel 1998 dai Comuni di Montemurlo, Prato e Vaiano.

Regione: Toscana
Provincia: Prato

L'A.N.P.I.L. "Monteferrato" occupa una superficie di 4.486 ettari lungo il sistema collinare-montano che delimita a nord la pianura alluvionale di Firenze-Prato-Pistoia. Su parte dell'area insiste il S.I.C. (Sito di Interesse Comunitario) di “Monteferrato e Monte Javello”, individuato dalla Regione Toscana.

Bosco e paesaggio agrario del Monteferrato Bosco e paesaggio agrario del Monteferrato (foto www.monteferrato.it)

Fosso Ragnaia e Chiesa di Figline Fosso Ragnaia e Chiesa di Figline - A.N.P.I.L. Monteferrato (foto www.monteferrato.it)

Descrizione

Il territorio protetto è il risultato di un processo di trasformazione della natura ad opera dell’uomo. Il gruppo montuoso del Monteferrato è un contrafforte preappenninico caraterizzato da un punto di vista geologico dalla presenza di rocce ofiolitiche. Le tre cime, Piccioli, Mezzano e Chiesino o Poggio Ferrato, raggiungono la quota massima di 420 metri.
L'area del Monferrato è stata interessata fin dai tempi antichi da insediamenti umani ed attività produttive. Presso Galceti sono stati rinvenuti reperti preistorici che testimoniano la presenza stabile dell’uomo già 30-40 mila anni fa. Ulteriori reperti testimoniano la presenza umana anche in era neolitica e soprattutto nell’età del bronzo. Certa anche la presenza del popolo etrusco, confermata dall’importante ritrovamento di un cippo funerario di tipo fiesolano presso Montemurlo.
In tempi più recenti (XIX secolo) l’area del Monteferrato richiamò numerosi personaggi importanti per la storia e la cultura del tempo tra cui i più illustri maestri macchiaioli, ospitati a Villa del Barone dal pittore e mecenate Cristiano Banti.

Flora e fauna

Le rocce ofiolitiche (e soprattutto le serpentine) hanno dato origine a un suolo povero di elementi nutritivi ma relativamente ricco di elementi tossici per le piante che, combinato all'estrema aridità, alla ventosità e alle elevate temperature estive, determina un ambiente particolarmente ostile per lo sviluppo delle piante. La forte selezione della flora limita la presenza di individui cui si contrappone, però, una rilevante varietà di specie (oltre 900 specie, fra piante superiori, felci e crittogame).
Di particolare interesse anche l'aspetto faunistico dell'area del Monferrato. Tra i mammiferi sono presenti molte specie di ungulati, fra i quali il cervo, il capriolo, il daino ed il cinghiale; tra i piccoli mammiferi ricordiamo il toporagno e il pipistrello orecchione. Tra i predatori sono presenti la faina, la donnola, la puzzola, il tasso e la volpe.
Tra le molte specie di uccelli presenti, nidificano nell’area il picchio verde, il martin pescatore, l’albanella minore, la poiana. Nelle vicinanze delle aree umide si trovano alcune colonie di airone cenerino. Alcuni esemplari di aquila reale, probabilmente provenienti dalle Alpi Apuane, sono state avvistate sopra il Monferrato.

Informazioni per la visita

Si accede all'area dai centri visita di:
- Schignano Via Cintelli, 7
- Vaiano Villa Fiorelli Via di Galceti, 64
- Prato Il Borghetto Via Bagnolo di Sopra - Prato

Da vedere:
- Centro di Scienze Naturali, Via di Galceti 74 - Prato
- Museo della deportazione, Via Cantagallo 250 - Figline di Prato
- Laboratorio Naturalistico Le Volpaie – Montemurlo

Gestione:

E' gestita in maniera unitaria mediante una convenzione tra i Comuni di Montemurlo, Prato e Vaiano, la Provincia di Prato e la Comunità Montana Val di Bisenzio.
Sede:
Comune di Montemurlo
Via Toscanini, 1
50045 Montemurlo (PO)
Sito web: www.monteferrato.it

Parchi Nazionali
Altri Parchi
Riserve Naturali
Oasi
A.N.P.I.L.
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy