Parco Naturale della Maremma - Toscana
Atlante dei Parchi e delle aree protette in Italia

Tipologia di area protetta - Dove si trova

Tipologia: Parco Naturale Regionale; istituito con L.R. 5/06/1975, n. 65 e L.R. 16/03/1994, n. 24.
Regione: Toscana
Province: Grosseto

Il Parco Naturale della Maremma (noto anche come Parco dell'Uccellina) occupa una supeficie di circa 20.000 ettari, dalla foce del fiume Ombrone a nord fino alla punta di Talamone a sud, mentre verso l'interno è delimitato dalla linea ferroviaria Livorno-Roma.

Parco Naturale della Maremma Parco Naturale della Maremma (foto www.agraria.org)

Descrizione

Il Parco tutela la parte più intima ed esclusiva della Maremma: le lunghe spiagge sabbiose, la macchia mediterranea, i rilievi dei Monti dell'Uccellina (415 m), le zone umide lungo il fiume Ombrone, tanti paesaggi che attirano ogni anno moltissimi visitatori. Forti, da sempre, gli elementi di antropizzazione. Il popolamento dell'area su cui insiste il Parco avvenne già ad opera di colonie di uomini di Neanderthal. Del periodo etrusco e romano restano numerose vestigia tra cui i ruderi nei pressi di Talamone e lungo il fiume Ombrone. Testimonianze di epoca medioevale sono l'abbazia di San Rabano e le torri costiere. La storia moderna e quella contemporanea si identificano con la politica dei granduchi di Lorena (Granducato di Toscana) che dominarono questa terra fino all'unità d'Italia. In seguito, dopo la fine del primo conflitto mondiale, fu l'Opera Nazionale Combattenti a favorire l'insediamento ad Alberese di una volta comunità veneta (testimoniata dai nomi di molti agriturismi della zona - Montegrappa, Isonzo, ecc.). Infine l'intervento dello Stato con la riforma fondiaria.

Abbazia di San Rabano

Il luogo più misterioso e mistico del Parco è senza dubbio l'Abbazia di San Rabano. Fondata probabilmente nel secolo XI, fu dedicata a Santa Maria Alborense e fu gestita dall'Ordine Benedettino Cassinese. Ben presto divenne il principale centro monastico di tutta la zona. Seguirono poi periodi bui, durante la gestione dei cavalieri Gerosolimitani e della famiglia degli Abati. Questi ultimi, che parteciparono attivamente alle guerre tra Grosseto e Siena, fortificarono, a partire dal 1321, l'intero complesso monastico, innalzando anche la torre difensiva ancora oggi visibile. Ma il colpo più duro l'abbazia lo subì sotto i senesi che, a partire dal 1438, decisero di smantellare tutte le zone fortificate della Maremma. Iniziò quindi l'abbandono del monastero. Lasciato completamente a se stesso a partire dal XVI secolo, oggi sono ancora visibili, gran parte della chiesa dedicata a Santa Maria Alborense, parte delle mura perimetrali del monastero e, soprattutto, lo slanciato campanile, abbellito dall'alternarsi ai vari piani di monofore e bifore.

Flora e fauna

Il Parco risulta costituito da due unità geomorfologiche e vegetazionali distinte, i monti dell'Uccellina e la piana dell'Ombrone.
I monti dell'Uccellina presentano aspetti forestali della costa maremmana, con formazioni di piante sempreverdi di tipo mediterraneo e in parte da piante decidue.
La vegetazione che si è sviluppata nella piana dell'Ombrone è stata condizionata dalle variazioni della linea di costa, dalle inondazioni fluviali, dall'azione dei venti, dal pascolo e dall'agricoltura. Anche questa parte del parco conserva, tuttavia, aspetti vegetazionali tipici della pianura grossetana prima che le bonifiche ne modificassero radicalmente il paesaggio.
Tra i mammiferi, troviamo cinghiali, daini, cinghiali, volpe, istrice, gatto selvatico, tasso, faina. L'avifauna è concentrata alla Bocca dell'Ombrone e nelle limitrofe zone umide: numerosi gli anatidi (alzavola, fischione, codone, mestolone, marzaiola e canapiglia); oltre all'oca selvatica, nel Parco si possono osservare chiurlo, pavoncella, piviere dorato, occhione e, in estate, ghiandaia e gruccione.

Parco Naturale della Maremma Parco Naturale della Maremma (foto www.agraria.org)

Cavalli Maremmani nel Parco Naturale della Maremma Parco Naturale della Maremma (foto www.agraria.org)

Bovine Maremmane nel Parco Naturale della Maremma Bovine Maremmane nel Parco Naturale della Maremma (foto www.agraria.org)

Informazioni per la visita

Come si arriva:
- Da Nord: strada statale Aurelia uscita Rispescia-Alberese (circa 7 km dopo Grosseto). Proseguire per alcuni chilometri sulla SP di Alberese fino a raggiungere l'omonima località.
- Da Sud: al Km 166 della strada statale Aurelia, svincolo per Alberese-Parco Naturale della Maremma. Proseguire per alcuni chilometri fino ad Alberese dove si trova il Centro Visite del Parco.
Guida all'agriturismo in Maremma Toscana >>>

Gestione:

Ente Parco
Via del Bersagliere, 7/9
58010 Alberese (GR)
Sito web: www.parco-maremma.it

Parchi Nazionali
Altri Parchi
Riserve Naturali
Oasi
A.N.P.I.L.
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy