Motocoltivatore
Atlante delle macchine agricole - Motozappatrice, Motofalciatrice

Definizioni

Il motocoltivatore è una macchina agricola semovente, monoasse, normalmente provvista di due ruote motrici e guidata dall'operatore appiedato tramite la stegola (manubrio).
Al motocoltivatore possono venire applicati, tramite la presa di potenza, diversi attrezzi che permettono di compiere svariate operazioni colturali.
La motozappatrice è una piccola trattrice monoasse che, come il motocoltivatore, è condotta dall'operatore appiedato mediante la stegola (manubrio). Gli organi lavoratori sono costituiti da zappette rotative.
Si distinguono i seguenti tipi:

  • motozappatrice in cui le zappette rotative costituiscono anche l'organo di propulsione e di sostegno; uno sperone di appoggio posteriore o un ruotino gommato o in metallo agevolano l'operatore durante i trasferimenti;
  • motozappatrice munita di una ruota motrice anteriore e di zappette posteriori, la cui stabilità è affidata ad un ruotino folle posto dietro la fresa;
  • motozappatrice dotata di due ruote portanri posteriori non motrici che mantengono la stabilità della macchina.

Per le modeste dimensioni di ingombro queste macchine permettono l'effettuazione di operazioni colturali dove la trattrice non può entrare a causa della limitata supercicie (tunnel, serre, vivai) o comunque non è convenientemente utilizzabile.

Motocoltivatore con fresa Motocoltivatore con fresa

Struttura

Sia il motocoltivatore che la motozappatrice sono costituiti principalmente dai seguenti componenti:
- il telaio o struttura portante: sorregge il motore e tutti gli altri organi.
- il motore: può essere a combustione interna con alimentazione a benzina, a gasolio o miscela, da 2 a 4 tempi.
- la stegola: è la struttura (manubrio) dotata di impugnature munite di manopole, tramite le quali è permessa la guida della macchina e l'azionamento dei comandi da parte dell'operatore appiedato. La stegola deve essere regolabile in senso verticale rispetto al terreno per permettere all'operatore di mantenere una corretta posizione durante il lavoro. Può essere regolata lateralmente per consentire al conduttore di camminare a fianco della macchina senza calpestare il terreno lavorato. Per applicare certi attrezzi è necessario che la stegola sia reversibile e che il senso di rotazione dell'albero di trasmissione del moto venga invertito tramite un invertitore di marcia situato sul blocco motore.
- dispositivi di emergenza: sono il motor stop o gli altri dispositivi "uomo presente" che assicurano una maggiore sicurezza durante il lavoro.
- gli organi di comando: posizionati sia sulla stegola che direttamente sul blocco motore, devono essere comunque raggiungibili facilmente e in condizioni di sicurezza; sono: frizione, freni destro e sinistro, leva per l'inserimento dell'organo lavoratore, acceleratore, leva del bloccaggio del differenziale, cambio.
- i dispositivi di avviamento: possono essere ad accensione elettrica o a strappo, con o senza il recupero automatico della cordicella.
- gli organi di propulsione: nei motocoltivatori sono costituiti in genere da una coppia di ruote gommate pneumatiche con battistrada, dotate di forti costole di aderenza. A seconda delle tipologie di lavoro e delle caratteristiche strutturali del terreno possono essere installate ruote metalliche del tipo a gabbia o sovracingoli.

Motozappatrice Motozappatrice

Le applicazioni del motocoltivatore

Gli attrezzi si applicano direttamente alla presa di potenza del motocoltivatore tramite una flangiatura oppure interponendo l'attacco rapido. Il rimorchio a ruote libere e il carrello di trasferimento si attaccano invece al gancio di traino.
La fresa, gruppo rotativo impiegato per la lavorazione del terreno, è l'applicazione che più generalmente troviamo montata sul motocoltivatore. La rotazione dell'asse su cui sono inserite le zappette viene assicurata tramite un rinvio ad angolo ed ingranaggi contenuti all'interno di una scatola posta sul piano della fresa. La profondità di lavorazione può essere regolata tramite una leva posta sulla fresa, mentre la larghezza di lavorazione dipende dal numero di zappette. La velocità di rotazione della fresa e la velocità di avanzamento sono controllate tramite apposite leve poste sulla stegola di guida.
Al motocoltivatore si possono assemblare, oltre alla fresa, molti altri attrezzi che impongono la presenza dell'operatore alla guida della macchina, come l'aratro monovomere, l'assolcatore e l'aratro scavapatate. In altri casi è necessario che l'operatore, prima di iniziare la lavorazione, ruoti la stegola di 180° e inserisca l'invertitore di marcia che è situato nel blocco motore. In alcuni modelli la rotazione della stegola a 180° determina automaticamente l'inversione delle marce. Alcuni esempi sono: la barra falciante, il rasaerba, lo spazzolone a rullo, il turboneve.
esistono inoltre applicazioni secondarie che vengono sempre assemblate alla presa di potenza del motocoltivatore ma che non impongono la presenza dell'operatore alla guida (es. trituratore e pompa d'irrigazione).

Attrezzi per motocoltivatore

Motofalciatrice

Le motofalciatrici vengono impiegate in agricoltura per il taglio dell'erba. Se ne possono trovare di tre tipi:

  • motofalciatrici derivanti da motocoltivatori a cui viene applicata la barra falciante;
  • motofalciatrici prodotte come tali che presentano gli stessi criteri costruttivi dei motocoltivatori e che possono essere utilizzate in altro modo tramite applicazioni. Queste macchine presentano caratteristiche simili a quelle descritte per i motocoltivatori. Le differenze consistono in: stegole regolabili solo i altezza, stegole non reversibili, mancanza del dispositivo di disinnesto della presa di potenza in fase di retromarcia, mancanza di freni in alcuni modelli.
    La barra falciante può presentare un attacco centrale o laterale. quelle con attacco laterale, generalmente equipaggiate con una ruota motrice, consentono di tagliare l'erba su terreni di diversa pendenza quali argini, fosse, ecc., offrendo la possibilità di variare l'inclinazione della barra mediante la leva di sblocco;
  • motofalciatrici propriamente dette utilizzabili solo per le operazioni di falciatura. Questi modelli semoventi presentano un telaio che può poggiare su due, tre o quattro ruote gommate. Possono essere dotati di un sedile posto su un carrello di trasferimento e di lavoro montato posteriormente. Sono provviste di leve dei freni che agiscono indipendentemente sulle ruote motrici; alcune macchine sono dotate di una leva di bloccaggio del differenziale.
    Queste macchine hanno avuto in passato un notevole sviluppo perchè venivano utilizzate per falciare il foraggio specie nelle zone marginali.

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]