Gatto di Ceylon
Atlante delle razze di Gatti

Classificazione FIFe e cenni storici

Paese d'origine: Sri Lanka - Italia.

Il Gatto di Ceyoln sono una razza naturale che che si è sviluppata spontaneamente nell'isola di Sri Lanka, senza intervento dell'uomo. Durante un viaggio a Ceylon, venne scoperto dall'italiano Paolo Pellegatta che, rimasto affascinato, ne portò alcuni esemplari in Italia e li presentò alla mostra felina di Erba (in provincia di Como). Successivamente venne avviato un programma di allevamento e, per evitare un eccessiva consanguineità, vennero importati altri esemplari dal Paese di origine. Nel 1988 è stato predisposto il primo standard di razza. Per conservare il carattere di razza naturale, ogni 4 o 5 generazioni viene suggerita l'introduzione di nuovi soggetti nativi. Questa pratica permette di mantenere il tradizionale aspetto del Gatto di Ceylon senza allontanarsi eccessivamente dal modello originale. I soggetti provenienti dallo Sri Lanka devono essere in possesso di un Certificato di Origine e Autenticità approvato e riconosciuto dal Club Amatori del Gatto di Ceylon.

Aspetto generale

Elegante e grazioso, di taglia media, slanciato e agile, ma armoniosamente compatto.

Gatto di Ceylon Gatto di Ceylon (foto www.zivotinjsko-carstvo.com)

Carattere

Razza dolcissima e affettuosa, si dimostra disponibile sia con i componenti della famiglia che con gli estranei. Grazie al suo carattere molto docile, risulta particolarmente adatto alle famiglie con bambini.

Cura

Il pelo necessita di pochissime cure: basta qualche passata con spazzola di crine e, ogni tanto, con una pelle di daino umida. Nonostante sia originario di una regione a clima caldo e umido, sia datta facilmente alle nostre temperature.

Varietà di colore

Viene allevata in tutte le colorazioni naturali, tutte ovviamente Ticked. Sono quindi banditi i mantelli con macchie bianche o tipo "siamese". Classico è il mantello a ticking nero meglio conosciuto come "Manilla".

Standard

Categoria: Pelo Corto.
Corporatura: media; slanciato e agile, ma armoniosamente compatto; collo forte e muscoloso.
Testa: guance arrotondate e zigomi sporgenti; tartufo color mattone bordato.
Orecchie: abbastanza grandi, larghe alla base, portate alte sulla testa.
Occhi: grandi, palpebre con il bordo nero e il pelo che ne segue il contorno chiaro. Il colore varia dal giallo al verde.
Arti: moderatamente lunghi, con piedi piccoli e rotondi.
Coda: relativamente corta.
Mantello: pelo lucido, fine e setoso, praticamente privo di sottopelo, ben aderente al corpo.

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]