Xerocomus pruinatus (Fr. & Hök) Quél.
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Xerocomus pruinatus (Fr. & Hök) Quél.
Sinonimi: Boletus pruinatus Fries & Hök (1835)

Caratteristiche morfologiche

Cappello: largo 5-11 cm, prima emisferico, poi convesso e appianato. Superficie pileica brunastra, rosso-brunastra, ricoperta da una pruina argentea, con strato sottocuticulare rossastro, facilmente visibile anche attraverso fessurazioni.
Tubuli: giallognoli, poi giallo-verdi, infine olivastri.
Pori: concolori ai tubuli, lentamente blu alla pressione.
Gambo: giallognolo o rossastro o color barbabietola, cilindraceo, flessuoso con la base feltrata di bianco.
Carne: gialla, rosso vinoso alla base del gambo, alla sezione virante al blu molto lentamente, prima soda e poi molle. Odore quasi ferroso, sapore mite.
Spore: bruno-olivastre in massa, piuttosto fusiformi e lievemente striate, 12,1- 14,6 x 4,4-5,2 μm.

Boletus pruinatus Fries & Hök Xerocomus pruinatus Fries & Hök (1835) (foto www.biolib.cz)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Cresce, in estate-autunno, soprattutto sotto faggio, castagno e abete bianco. Specie non molto comune.
Commestibile. Scartare il gambo ed eliminare i tubuli mollicci: un operazione che
va estesa a tutti gli Xerocomus adulti.

Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy