Leccinum crocipodium (Let.) Watling
Atlante dei funghi - Funghi commestibili e velenosi

Classe: Basidiomiceti
Nome scientifico: Leccinum crocipodium (Let.) Watling
Sinonimi: Boletus rimosus Venturi
Boletus tessellatus Gillet
Boletus nigrescens Richon et Roze

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 5-15 cm, emisferico, poi piano convesso, prima giallo chiaro, bruno arancio, poi bruno scuro, finemente vellutato; assai presto la pellicola si screpola in numerose e piccole areole caratteristiche.
Tubuli: liberi al gambo, molto lunghi, prima giallini, poi giallo olivacei.
Pori: giallo-pallidi, infine bruno-olivastri, rotondato-angolosi.
Gambo: 5-10 x 1,5-2,5 cm, prima ventricoso, poi allungato, un po' rastremato verso l'alto, leggermente reticolato solcato; giallo pallido, poi ocra.
Carne: prima soda, poi molle nel cappello e dura nel gambo, cololor giallo o crema, al tocco vira al bruno-rossastro o al viola-grigio fino ad annerirsi.
Spore: ellittico-allungate, giallo-pallide, guttulate; polvere bruno-giallognola.

Leccinum crocipodium (Let.) Watling Leccinum crocipodium (Let.) Watling (foto www.mushroomhobby.com)

Commestibilità, habitat e osservazioni

Relazione con l'ambiente vegetale circostante: fungo simbionte.
Nei boschi di latifoglie (querce, faggi), in autunno.
Commestibile.

Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy